L'FBI diffonde un dossier di 191 pagine su Steve Jobs

di

L'FBI ha recentemente pubblicato un corposo dossier, composto da 191 pagine, riguardante il fondatore di Apple, Steve Jobs, scomparso lo scorso ottobre dopo aver lottato a lungo contro una grave malattia. Dalle prime analisi condotte sul documento pubblicato, si evince come i federali abbiano indagato su Jobs nel 1985, quando era alta la possibilità di attacchi bomba presso la sede di Cupertino, e nel 1991, periodo in cui si vociferava la possibilità che Steve Jobs potesse insediarsi nei piani del governo Bush. La richiesta risulta essere contrassegnata come "urgente", e mirava alla sua occupazione professionale dopo l’uscita da Cupertino e alla sua famiglia. Vista la lunghezza del documento, toccherà attendere qualche ora affinchè emergano altri dettagli contenuti nel dossier. Stay tuned.

Quanto è interessante?
0