L'UE trova un accordo per la riforma del Copyright: i meme sono salvi

L'UE trova un accordo per la riforma del Copyright: i meme sono salvi
di

Si è conclusa la lunghissima maratona iniziata lunedì scorso a Strasburgo riguardante la riforma copyright. Le istituzioni europee hanno finalmente trovato un accordo che, a quanto pare, accontenterebbe tutti, principalmente le piattaforme del web.

Il nuovo pacchetto di norme garantisce maggiori diritti ed una remunerazione più equa ad editori, artisti, autori e giornalisti nei confronti delle piattaforme del web come YouTube, Facebook e Google. A darne l'annuncio il vicepresidente della commissione UE, Andrus Ansip, che sul proprio account ufficiale Twitter sottolinea che le riforme prevedono "diritti garantiti per gli utenti, equa remunerazione per i creatori, chiarezza delle regole per le piattaforme e reali benefici per tutti. Gli europei avranno finalmente regole moderne per il copyright".

Il Parlamento Europeo, sempre tramite il proprio account ufficiale Twitter, sottolinea che "i creativi inclusi musicisti, attori e giornalisti ne escono rafforzati. Meme, gif e snippet degli articoli sono salvi e le piattaforme start up protette".

Antonio Tajani, presidente dell'Europarlamento, si è detto soddisfatto dell'accordo in quanto "protegge la creatività europea. Musicisti, attori, scrittori e giornalisti avranno diritto ad una giusta remunerazione anche dai giganti del web".

La direttiva più contestata, l'articolo 13, è stata oggetto di un compromesso tra le parti, che prevede l'esclusione delle startup con meno di cinque milioni di visitatori unici al mese da alcuni obblighi della normativa.

Per quanto riguarda l'articolo 11, ovvero quello sulla remunerazione degli editori e che potrebbe costringere Google News a concludere accordi con gli editori per mostrare snippet degli articoli, l'intesa raggiunta indebolisce le tutele di settembre e garantisce più spazio di manovra agli stati membri dell'UE, i quali potranno prevedere delle eccezioni.

Viene riconosciuto ad artisti, musicisti e creatori un equo compenso, la sua revisione e la revoca della licenza se le opere non vengono sfruttate commercialmente da chi le detiene. La nuova direttiva, che sicuramente sarà oggetto di aspre battaglie nel corso dei prossimi mesi, prevede anche maggiore trasparenza sui ricavi di chi gestisce i diritti ed un nuovo meccanismo di risoluzione delle dispute.

Come riportato da varie testate, sono tutelate in maniera esplicita le gif, i meme, il diritto di satira, parodia e di citazione, ma anche le enciclopedie online come Wikipedia, i materiali didattici, il data manining, il patrimonio culturale e le opere con diritti scaduti, su cui non verrà applicato il copyright.

FONTE: Repubblica
Quanto è interessante?
6

Il caffè di Starbucks a casa tua con le pratiche capsule in vendita su Amazon.it, compatibili con le macchine espresso delle principali marche.