L'Unione Europea potrebbe costringere Apple ad abbandonare il connettore Lightning

L'Unione Europea potrebbe costringere Apple ad abbandonare il connettore Lightning
di

L'Unione Europea, archiviato il caso Google, a cui è stata comminata una maxi multa da 5 miliardi di Dollari, ora guarda ad un altro gigante della Silicon Valley. L'obiettivo di Margrethe Vestager ed Elzbieta Bienkowska, i commissari per la concorrenza ed il mercato interno, ora sarebbe Apple.

La Commissione, infatti, avrebbe intenzione di riaprire un caso che era stato messo momentaneamente da parte e, secondo quanto affermato da alcuni siti, starebbe per concentrarsi sul problema dei connettori dei vari dispositivi. Il caso, però, non è nuovo e risale a qualche anno fa, quando la CE ha invitato i produttori di smartphone ad abolire la maggior parte dei connettori proprietari a favore del micro-USB.

Nel 2009, infatti, quattordici aziende tra cui Apple, Samsung, Huawei e Nokia hanno firmato un memorandum of udersanting volontario (MoU), attraverso cui hanno concordato un'armonizzazione per i caricabatterie dei modelli di smartphone che poi sarebbero stati lanciati sul mercato nel 2011.

Ovviamente, oltre all'USB-C e micro-USB, l'unico connettore proprietario sul mercato ancora disponibile è il Lightning di Apple, il che rende la compagnia di Tim Cook un chiaro obiettivo dell'indagine.

"Dati i progressi insoddisfacenti del MoU, la Commissione effettuerà a breve uno studio di valutazione dell'impatto per valutare costi e benefici di diverse altre opzioni" ha affermato la Vestager in risposta ad un'interrogazione di un deputato arrivata lo scorso 1 Agosto.

Resta da capire il tipo di approccio che ha intenzione di adottare la Commissione nei confronti di Apple e di questo mercato. Apple, a giudicare da quanto emerso negli ultimi tempi, avrebbe intenzione di adottare lo standard USB-C per i prossimi iPhone, ma non c'è ancora nulla di confermato.

Quanto è interessante?
7