La "crisi delle vendite" di Apple trascina in negativo le borse europee

La 'crisi delle vendite' di Apple trascina in negativo le borse europee
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Effetto pesantissimo sulle borse europee per la lettera dell'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, che di fatto ha ufficializzato il calo delle vendite registrato dalla compagnia nel corso dell'ultimo trimestre dell'anno e che ha costretto i dirigenti a rivedere verso il basso le previsioni per il Q1 2019.

Sono molti i titoli europei che sono in territorio negativo in questo freddo giovedì di gennaio. Il produttore di chip austriaco AMS ha perso il 19%, mentre la società svizzere STMicroelectronics ha perso circa il 7%, il tutto perchè entrambe le compagnie sono fornitori di semiconduttori per i dispositivi della Mela morsicata.

Dialog Semiconductors, il fornitore anglo-tedesco, lascia sul mercato il 7% a Francoforte, e risente dell'effetto Apple dopo che lo scorso mese di Ottobre la società di Tim Cook aveva acquistato parte della compagnia per 600 milioni di Dollari.

In negativo anche altri titoli azionari legati al mondo dei semiconduttori. Gli olandesi di ASM International e Siltronic stanno facendo fronte alle numerose pressioni esercitate dall'industria dei semiconduttori, mentre l'indice europeo Stoxx 600 legato al mondo della tecnologia sta riportando un calo del 2%.

Complessivamente, a Piazza Affari anche l'industria del lusso perde: Moncler lascia il 3,2% e Ferragamo il 2,3%. L'Euro è in lieve calo sul Dollaro ad 1,1368 a Londra. La borsa di Francoforte lascia l'1,2%, Parigi l'1,1%, Milano lo 0,7%, Londra lo 0,5% e Madrid lo 0,3%.

FONTE: CNBC
Quanto è interessante?
8