La Freedom of the Press Foundation accetta ora Bitcoin, Ether ed altre criptovalute

di

Svolta storica per la Freedom of the Press Foundation: da oggi in poi accetterà donazioni effettuate tramite criptovalute, come Bitcoin, Ether, Litecoin e Zcash. Questo innovativo cambiamento della politica interna è stato inaugurato da Mainframe, un network contro la censura della stampa che ha donato questo lunedì 1000 Ether.

La fondazione no-profit aveva già aperto le porte ai Bitcoin nel lontano 2013, ma la relativa sezione nel sito ufficiale spesso non funzionava molto bene e la società ha deciso di rimuoverla definitivamente nel gennaio dello stesso anno, interrompendo ufficialmente l'accettazione della valuta digitale.

In occasione dell'annuncio di oggi, la Freedom of the Press Foundation inaugura una nuova pagina del sito, interamente dedicata alle criptomonete, in grado di accettare donazioni direttamente dai portafogli online degli utenti.

Una decisione che si dimostra radicalmente opposta a quella presa da Apple nei confronti di questo mercato digitale "alternativo", dato che il colosso di Cupertino ha bannato qualsiasi app usata per il mining delle criptovalute dai device equipaggiati con iOs, ovvero iPhone, iPad ed iPod. Una presa di posizione molto forte, che è giustificata dal fatto che le attività di mining sono molto pesanti da gestire per i componenti hardware, ed è molto facile metterli eccessivamente sotto sforzo o surriscaldarli.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
0
La Freedom of the Press Foundation accetta ora Bitcoin, Ether ed altre criptovalute