La lettera di 15.000 scienziati all'umanità sui cambiamenti climatici

di
“Il tempo sta per finire”, è questo il sunto di una lettera per l’umanità firmata da 15.364 scienziati provenienti da 184 ed avente ad oggetto il problema dei cambiamenti climatici.

Parole forti, che hanno l’obiettivo di sensibilizzare le persone su quello oche è uno dei più grandi problemi della nostra epoca, che potrebbe consegnare alle future generazioni uno scenario catastrofico del pianeta. A 25 anni dalla lettere inviata dall’Union of Concerned Scientis, e firmata da 1.700 persone, ne arriva un’altra, con parole molto più dure.

Gli scienziati sostengono che l’umanità abbia dimostrato più volte di essere in grado di cambiare il corso del pianeta in meglio, ma bisogna mettersi insieme e collaborare per un bene comuna. La minaccia è reale, ma può essere aggirata dalle fonti rinnovabili, che ormai sono diventate realtà.

I quindicimila però sostengono che sotto certi aspetti siamo anche peggiorati. La disponibilità di acqua fresca per la popolazione mondiale si è ridotta di più di un quarto, gli oceani hanno ora il 75% in più di zone morte, le emissioni di carbonio e le temperature medie globali sono aumentate in modo significativo, ed il numero di animali in tutto il mondo è sceso dal 29%, mentre il numero di esseri umani è aumentato del 35%.

Quest’ultimo dato è individuato come una delle più grandi minacce per il nostro futuro. La crescita incontrollata della popolazione ha portato non solo a problemi ecologici, ma anche sociali, con l’aumento del consumo di materiali che provoca un effetto domino.

Gli scienziati affrontano anche il problema dei cambiamenti climatici, nonostante alcuni neghino la loro esistenza. Il nostro mondo è cambiato drasticamente nell’ultimo quarto di secolo ed è in una spirale vicina ad un punto di non ritorno. C’è ancora qualche speranza, ma anche queste si stanno esaurendo velocemente, se il problema non verrà affrontato con serietà.