La missione Juno è "a metà strada": Tante immagini e tanti dati acquisiti in questi anni

La missione Juno è 'a metà strada': Tante immagini e tanti dati acquisiti in questi anni
di

La sonda Juno percorre la sua orbita attorno a Giove in 53 giorni, ed è estremamente ellittica. Ogni orbita include un passaggio ravvicinato alla grande distesa di nubi del pianeta, osservando una regione atmosferica che si estende dal polo nord di Giove fino al suo polo sud.

La NASA fa sapere che il 21 dicembre prossimo, alle 8:49:48 PST (alle 17:49 ore italiane) la sonda spaziale Juno si troverà a 5.053 km sopra la regione nuvolosa di Giove. E vi passerà sopra ad una velocità di 207,287 km all'ora. Si tratterà del sedicesimo rilevamento scientifico del gigante gassoso e indicherà il "giro di boa" della navicella alimentata ad energia solare.

"Con il nostro sedicesimo flyby scientifico, avremo una copertura globale completa di Giove, anche se con una risoluzione approssimativa, con passaggi polari separati da 22,5 gradi di longitudine", ha detto Jack Connerney, vice investigatore principale della Juno mission dalla Space Research Corporation ad Annapolis, città nel Maryland. Prosegue spiegando cosa è in programma per la sonda: "Nella seconda metà della nostra missione principale, si proseguirà con la ricerca nei passaggi da 17 al 32, dimezzando la distanza, volando esattamente a metà strada rispetto alle orbite precedenti e fornendo una copertura del pianeta ogni 11,25 gradi di longitudine, ottenendo un quadro più dettagliato tutt'attorno Giove".

"Abbiamo già riscritto i libri di testo su come funziona l'atmosfera di Giove e sulla complessità e asimmetria del suo campo magnetico", spiega Scott Bolton, ricercatore principale di Juno, del Southwest Research Institute di San Antonio.

Considerazioni anche per l'incredibile strumento JunoCam, per merito del quale si riescono ad ottenere immagini spettacolari come quelle che vi abbiamo mostrato in passato: "Sebbene originariamente previsto come uno strumento di sensibilizzazione per raccontare la storia di Giunone, JunoCam è diventato molto più di questo", ha detto Candy Hansen, co-investigatore della missione Juno presso il Planetary Science Institute di Tucson, in Arizona. "Le nostre sequenze time-lapse sopra i poli ci permettono di studiare le dinamiche dei cicloni circumpolari di Giove e di immaginarne i nuclei ad alta quota. Stiamo anche utilizzando JunoCam per studiare la struttura della Grande Macchia Rossa e la sua interazione con l'ambiente circostante".

Lanciato il 5 agosto 2011 da Cape Canaveral, in Florida, il veicolo spaziale è entrato in orbita attorno a Giove il 4 luglio 2016. L'avvio di raccolta dati è iniziato il 27 agosto 2016. Durante questi fly-by, la suite di strumenti scientifici della sonda Juno riesce anche a studiare le aurore di Giove, oltre che ad analizzare gli strati più interni dell'atmosfera per carpire informazioni sulle origini del pianeta, sulla struttura interna, sull'atmosfera e sulla magnetosfera.

Quanto è interessante?
10

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!

La missione Juno è 'a metà strada': Tante immagini e tanti dati acquisiti in questi anni