La NASA esprime dubbi in merito alla privatizzazione della ISS

La NASA esprime dubbi in merito alla privatizzazione della ISS
di

I piani per la privatizzazione della ISS hanno fatto notizia all'inizio di quest'anno, quando la NASA ha rivelato che la Casa Bianca intende bloccare i finanziamenti nel 2025.

Questa non è la prima volta che emerge la volontà di privatizzare la Stazione Spaziale Internazionale, ma un recente report da parte della NASA suggerisce che il tutto potrebbe non essere fattibile. "Basandoci sul nostro lavoro di revisione, contestiamo la fattibilità dei piani. [...] In particolare, ci chiediamo se [...] le società private saranno in grado di sviluppare un'attività autosufficiente e redditizia indipendentemente da finanziamenti federali significativi, in particolare è improbabile che un'entità o entità private coprano i costi operativi annuali della Stazione, che attualmente sono stimati a 1,2 miliardi per l'anno 2024".

La paura della NASA, quindi, è quella di continuare a far funzionare la ISS solamente fino al 2028, senza finanziamenti continui. L'Agenzia Spaziale, infatti, calcola di riuscire a coprire i costi fino a quell'anno. Nel corso dell'ultimo decennio, la NASA ha cercato di ridurre le spese dell'ISS, ma problemi come il degrado dei componenti e guasti hardware imprevisti hanno creato la necessità di sostituzioni - e farle non è economico. La NASA è anche consapevole del fatto che andare avanti richiede il sostegno di realtà internazionali come la Russia, che "è l'unico partner in grado di fornire il trasporto dell'equipaggio da e verso la ISS".

Insomma, la Stazione Spaziale Internazionale ha un futuro ancora tutto da decidere.

FONTE: NASA
Quanto è interessante?
6

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!

La NASA esprime dubbi in merito alla privatizzazione della ISS