La NASA spiega un piano a tre fasi che porterà su Marte

di

La NASA ha pubblicato da poco le tre fasi di un piano che dovrebbe portare gli astronauti su Marte.

Il primo step del viaggio su Marte, chiamato Earth Reliant, è stato già avviato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Lì, alcuni scienziati stanno studiando in che modo il corpo umano reagisce allo spazio tramite il supporto di alcuni metodi di stampa 3D. Stanno inoltre testando l'infiammabilità dei materiali, sistemi di comunicazione avanzati e tanto altro.

Nella seconda fase, la Proving Ground, la NASA mira a condurre operazioni nello spazio aperto che potrebbe condurre gli astronauti a tornare alla Terra solo in pochi giorni. Questo passaggio coinvolge l'esplorazione di EM-1 nel 2018 e la Asteroid Robot Mission nel 2020, durante la quale un equipaggio afferrerà di fatto un pezzo di asteroide e lo porterà indietro affinché possa essere studiato.

L'ultimo stadio, nominato Earth Indipendence, si fonda sulla riuscita dei primi due e permetterà agli umani di atterrare sulla superficie marziana. L'obiettivo è quello di collezionare risorse sul pianeta per creare benzina, acqua, ossigeno e costruire ciò che serve a sostenere la vita. La NASA vuole inoltre edificare un sistema di comunicazione che consenta di inviare i dati degli esperimenti alla Terra in soli venti minuti.

Tutto ciò è piuttosto ambizioso, ma se c'è qualcuno che lo può fare allora questo non può essere nessun'altro che l'agenzia spaziale americana.

Quanto è interessante?
0
La NASA spiega un piano a tre fasi che porterà su Marte