La Nebulosa della Carena illumina il cielo notturno nell'ultima foto all'infrarosso

La Nebulosa della Carena illumina il cielo notturno nell'ultima foto all'infrarosso
di

La Nebulosa della Carena è uno degli oggetti celesti più luminosi che si possano osservare nel cielo notturno. Questa settimana l'ESO (European Southern Observatory) Paranal Observatory in Cile, grazie al telescopio VISTA, ha pubblicato una foto (visibile in fondo alla news) della nebulosa vista grazie alla radiazione infrarossa che emette.

La nebulosa ricca di gas, polveri, stelle giovani e vicine alla morte, si trova a 7.500 anni luce di distanza dalla terra, nella costellazione della Carena. Le stelle massive all'interno della nube dinamica emettono radiazioni intense che permettono al gas stesso di brillare nel cielo emettendo radiazione infrarossa, che generalmente è associata al calore emesso da un corpo.

Ci sono anche regioni più scure dove domina la polvere interstellare che oscura le stelle appena nate, ma nel complesso il numero di queste giovani stelle è abbastanza elevato per vincere questa battaglia contro la polvere, riuscendo a rendere la nebusola estremamente luminosa.

Il diametro della Nebulosa della Carena è di oltre 300 anni luce e risulta essere una delle regioni più grandi della Via Lattea che accoglie un elevato numero di stelle in formazione. Purtroppo questa risulta visibile solamente nell'emisfero sud del pianeta, a 60 gradi al di sotto dell'equatore, dunque non può essere vista dall'Italia.

Uno dei recenti capolavori del telescopio VLT dell'ESO è la foto scattata ad un pianeta che si è appena formato. Riguardo i recenti avvistamenti di galassie è notevole la scoperta della radiogalassia più lontana mai osservata. L'ultima foto pubblicata dall'ESO ritrae l'elengante galassia ellittica NGC 5018.

FONTE: eso
Quanto è interessante?
10

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!

La Nebulosa della Carena illumina il cielo notturno nell'ultima foto all'infrarosso