La nuova versione di Google Chrome potrebbe bloccare gli Ad Block

La nuova versione di Google Chrome potrebbe bloccare gli Ad Block
di

A quanto pare Google avrebbe in programma alcune modifiche per la piattaforma Chrome Extension di Google Chrome, come rivelato da un documento pubblico per gli sviluppatori battezzato "Manifest Version 3" che potrebbe portare alla scomparsa di alcune estensioni come gli ad-block.

Come si legge nella bozza di Manifest, consultabile tramite questo indirizzo, "Google si sforzerà di limitare la versione di blocco di webRequest, potenzialmente rimuovendo le opzioni di blocco dalla maggior parte degli eventi". Il documento continua affermando che "i content blocker dovrebbero invece usare dichiarativeNetRequest".

La limitazione, secondo i più informati, potrebbe influire sulle funzionalità di alcuni plugin che consentono di bloccare gli annunci pubblicitari, come uBlock Origin ed uMatrick. A riguardo sono già arrivate le prime lamentele degli sviluppatori: Raymond Hill ha già annunciato che qualora queste limitazioni dovessero entrare seriamente in vigore, cancellerà tutti i propri plugin presenti sul web store.

Come sottolineato da The Register, infatti, gli ad blocker agiscono molto più in profondità rispetto al blocco delle pubblicità. L'API webRequest ad esempio consente ai plugin di modificare o reindirizzare le richieste di rete, offrendo agli utenti un maggiore controllo sui contenuti che vengono visualizzati dal browser.

Secondo il Manifest, i tecnici di Google si dicono perfettamente a conoscenza del fatto che le modifiche potrebbero influire in maniera significativa sullo sviluppo e sul funzionamento di alcuni plugin, ed infatti hanno intenzione di mantenere l'API attuale, ma con funzionalità limitate. Ciò vuol dire che in futuro i plugin che utilizzano webRequest saranno in grado di leggere le richieste di rete.

Le nuove API dichiarativeNetRequest invece daranno a Chrome i permessi di modificare e reindirizzare le richieste di rete, velocizzando i tempi di caricamento delle pagine e "fornendo una migliore privacy agli utenti perchè le estensioni non possono leggere le richieste di rete fatte per conto dell'utente".

Hill spiega che le estensioni riguarderanno anche altre funzioni, come il "blocco degli elementi multimediali di grandi dimensioni, la disattivazione di JavaScript secondo le direttive di Content-Security-Policy e la rimozione delle intestazioni dei cookie in uscita".

Lo sviluppatore si sofferma sul fatto che le estensioni lavorano per conto degli utenti, e non è il primo ad essersi lamentato.

FONTE: Techradar
Quanto è interessante?
5