La più grande banca americana ha appena lanciato una sua criptovaluta

La più grande banca americana ha appena lanciato una sua criptovaluta
di

Sorpresa, dopo aver attaccato i bitcoin a più riprese tramite le dichiarazioni del suo CEO, JP Morgan, la più grande banca americana, ha appena lanciato una sua criptovaluta. È legata al dollaro, e mira a permettere pagamenti istantanei trai clienti della banca.

Nel 2017 Jamie Dornan aveva chiamato i bitcoin "frode", definendoli a più riprese un raggiro e una bolla. La valuta è correlata con il dollaro: un JPM Coin, questo il nome della criptovaluta, equivale ad un dollaro. Questo, come sottolinea Futurism.com, rende il JPM Coins a tutti gli effetti membro della famiglia delle stablecoins, le valute che hanno l'obiettivo di mostrarsi come stabili, lontane dalle oscillazioni che si registrano con le quotazioni delle criptovalute principali.

Secondo JP Morgan, la sua criptovaluta e l'utilizzo della Blockchain hanno la possibilità di velocizzare notevolmente le transazioni, andando a risolvere la lentezza che affligge molte delle normali forme di pagamento digitali.

Una notizia accolta con favore da alcuni degli investitori nel settore delle criptovalute, è vero che quella di JP Morgan si pone come una valuta controllata da un ente centrale, una banca, e per di più come correlata direttamente ad una valuta flat, il dollaro. Ma stando a Adam Grimsley, co-founder dell'hedge fund Prime Factor Capital, l'iniziativa di JP Morgan potrebbe essere la prima mossa verso un'adozione di massa della blockchain e delle valute digitali da parte delle grandi istituzioni tradizionali.

Critica invece la giornalista del New York Times Nathaniel Popper che ha definito la valuta semplicemente inutile perché non può essere usata fuori dalla rete di JP Morgan.

FONTE: Futurism
Quanto è interessante?
2