La storia di un uomo che è stato protetto da una freccia grazie al suo smartphone

La storia di un uomo che è stato protetto da una freccia grazie al suo smartphone
di

Quante volte abbiamo sentito di persone che grazie alla bibbia (o allo zippo) tenuto nel taschino sono riusciti ad evitarsi un colpo di pistola al petto? In Australia è successo qualcosa di simile: un uomo è riuscito ad evitarsi un colpo di freccia grazie al suo smartphone, mentre l'aggressore è stato arrestato.

È successo in Australia, nella località del New South Wales, dove un uomo uscendo da casa per recarsi a lavoro si è imbattuto in un aggressore armato di arco e frecce. Uno strumento demodè ma non per questo poco letale.

Uscito dalla macchina per riprendere la scena assurda (e forse confidente del fatto che l'altro non sarebbe arrivato a tanto), quello che rischiava di essere vittima di una tragedia, ha estratto il suo smartphone per riprendere l'episodio. Non una scelta molto saggia, con il senno di poi. Infatti l'aggressore ne ha approfittato per scoccare una freccia, mirando alla sua testa. Fortunatamente il dardo si è andato a conficcare nello smartphone del bersaglio, che ha riportato solo una piccola ferita superficiale.

La freccia ad ogni modo ha perforato buona parte dello smartphone, venendo bloccata solo dallo schermo.

L'aggressore, un uomo di 39 anni, è stato arrestato per tentate lesioni. Mentre la vittima dell'episodio dovrà comprarsi un nuovo smartphone, chi sa se aveva finito di pagare le rate di quello precedente.

FONTE: Gizmodo
Quanto è interessante?
4