Questa lattuga geneticamente modificata permetterà viaggi nello spazio molto più lunghi

Questa lattuga geneticamente modificata permetterà viaggi nello spazio molto più lunghi
di

Da quando l'uomo ha iniziato a vivere nelle stazioni spaziali - in particolar modo da quando si lavora e si vive sulla ISS - gli scienziati hanno scoperto che si va incontro a molteplici problemi di salute. Questa lattuga modificata potrebbe prolungare la vita del tessuto osseo degli astronauti.

Vivere al di fuori della Terra non è certo facile: vi abbiamo parlato molte volte delle tante malattie spaziali (la maggior parte causate dai problemi di mancanza di gravità, ma non solo) e di come si cerchi disperatamente soluzioni sempre più efficaci per ritardare o ridurre i problemi della vita spaziale.

Da quando le agenzie come NASA, ESA e quelle private come SpaceX sognano viaggi cosmici di lunga durata, gli scienziati hanno iniziato ad affrontare il tema delle malattie spaziali ancor più seriamente: fin ad oggi le lunghe permanenze nel cosmo non si protraevano per più di un anno (consecutivo) ma ora - dato che i viaggi verso Marte sembrano sempre più vicini - i tempi potrebbero dilatarsi.

Eseguire missioni di andata e ritorno dal Pianeta Rosso potrebbe richiedere persino 3 anni di permanenza spaziale per gli astronauti selezionati, e questo non è certo un fattore positivo per il loro corpo, soprattutto per quanto riguarda le ossa che - durante i momenti di prolungata assenza di gravità - vanno incontro ad una perdita accelerata delle concentrazioni di calcio e quindi incontro all'osteopenia.

Questa lattuga geneticamente modificata, però, ideata nei laboratori dell'Università della California, è in grado di produrre in quantità maggiori il Paratormone (PTH), un ormone stimolante per le ossa e che potrebbe aiutare a proteggere gli astronauti da possibili complicanze. La cosa interessante è che la lattuga è un alimento che da diversi anni è normalmente coltivato sulla Stazione Spaziale Internazionale, quindi non ci sarebbero grossi problemi nel aggiungere anche la versione "modificata" alle serre spaziali del futuro.

"Gli astronauti possono trasportare i semi geneticamente modificati, molto piccoli e coltivarli proprio come una normale lattuga", ha detto il coautore dello studio Somen Nandi. "Potrebbero usare le piante per sintetizzare prodotti farmaceutici in base alle esigenze".

Il team non ha ancora assaggiato la lattuga poiché la sua sicurezza alimentare non è stata ancora determinata (i test sono in corso), ma è probabile il sapore sarà identico a quello della lattuga normale.

Quanto è interessante?
2
Questa lattuga geneticamente modificata permetterà viaggi nello spazio molto più lunghi