Le autorità indiane chiedono ai social network di scansionare le foto degli utenti

Le autorità indiane chiedono ai social network di scansionare le foto degli utenti
di

Le autorità indiane ha chiesto a tutti i social network attivi nel Paese di scansionare tutte le foto caricate dagli utenti tramite il servizio PhotoDNA di Microsoft. Quest'ultimo è in grado di ottenere le impronte digitali e creare una firma digitale unica (hash), in modo da vedere se ci sono immagini che vengono sfruttate in malo modo.

In particolare, stando anche a quanto riportato dai colleghi di MsPowerUser, questo algoritmo verificherebbe se ci sono corrispondenze all'interno del suo database, andando a capire se le immagini caricate sui social sono conformi o meno alle linee guida imposte dagli stessi. Si tratta tuttavia di una richiesta che comporta grandi costi e di una tecnologia che potrebbe dar vita a "falsi positivi" e quindi il dibattito in merito è ancora molto acceso.

Va anche considerato però il fatto che un tale investimento darebbe probabilmente luogo all'implementazione di questa tecnologia a livello mondiale, con tutto ciò che ne consegue. Alcune persone si stanno già lamentando del fatto che colossi del calibro di Facebook avrebbero in mano ulteriore potere per quanto riguarda la privacy e quindi sembra alquanto improbabile che Mark Zuckerberg & Co. decidano di implementare seriamente questa funzionalità. Insomma, la questione è ancora molto confusa, ma staremo a vedere.

Quanto è interessante?
3
Le autorità indiane chiedono ai social network di scansionare le foto degli utenti