Le criptovalute affondano: Bitcoin sotto i 4000 euro, Giga Watt dichiara bancarotta

Le criptovalute affondano: Bitcoin sotto i 4000 euro, Giga Watt dichiara bancarotta
di

Le criptovalute continuano ad affondare. Dopo i crolli a catena della scorsa settimana, la situazione non è migliorata e il Bitcoin ha addirittura perso oltre 1000 euro in quanto a valutazione. Se lo scorso 13 novembre la criptovaluta più famosa veniva scambiata a 4868 euro, ora siamo a 3754 euro. Non se la passano meglio le altre criptovalute.

Infatti, Ripple ha perso circa l'8% su base giornaliera, mentre Ethereum ha fatto segnare un ulteriore -11%. Da segnalare la bancarotta della società statunitense Giga Watt, specializzata proprio nel mining di Bitcoin, che non è riuscita a ripagare il debito di 7 milioni di dollari.

Insomma, il decimo compleanno della criptovaluta più famosa al mondo non sembra aver portato nuova linfa al mercato, che continua a scambiare in rosso. Nel frattempo, sempre più personaggi di spicco stanno rilasciando delle dichiarazioni che vanno a mettere in cattiva luce il mondo delle criptovalute.

Uno dei più critici è stato il noto economista Nouriel Roubini, che ha recentemente dichiarato quanto segue: "Potrei gongolare del crollo del Bitcoin. Ma resta ancora lontano da quello che è il suo vero valore: zero. [...] Anzi, visto che il Bitcoin è alla base di disastri ambientali e di inquinamento il suo vero valore è negativo".

Tra gli altri, Bill Harris, ex CEO di Paypal, ha dichiarato che si tratta della "più grande truffa della storia", Paul Krugman (economista) l'ha definita "una bolla che finirà male", Warren Buffett ha detto che "farà una brutta fine" e Steve Wozniak ha paragonato la blockchain alla bolla delle dot-com

Quanto è interessante?
3
Le criptovalute affondano: Bitcoin sotto i 4000 euro, Giga Watt dichiara bancarotta