Le grandi orche in pericolo ogni due anni: tra le cause? Il salmone rosa

Le grandi orche in pericolo ogni due anni: tra le cause? Il salmone rosa
di

Quattro ricercatori di salmoni stavano esaminando i dati sul sito web del Centro per la ricerca sulle balene, che studia anche mammiferi come le orche, quando hanno notato una coincidenza molto particolare: negli ultimi due decenni, sono morte più balene negli anni pari che negli anni dispari. La causa? il salmone rosa.

In un articolo da poco pubblicato, alcuni ricercatori ipotizzano che questa coincidenza sia legata al salmone rosa, che ritorna nel Salish Sea (acque tra lo stato di Washington ed il Canada) in numero massiccio ogni due anni, sebbene non siano ancora chiaro perchè. I ricercatori sospettano che questi enormi spostamenti di salmone rosa, sicuramente legati ai cambiamenti delle condizioni oceaniche negli ultimi due decenni, potrebbero interferire con la capacità delle balene di cacciare la loro preda preferita, il salmone Chinook.

I ricercatori hanno deciso di diffondere la loro scoperta senza aspettare il completamento della ricerca, questo perché l'orca è un animale sono sull'orlo dell'estinzione.

"Il punto principale era diffondere questo schema biennale in modo che le persone potessero iniziare a pensare a questo importante, completamente inaspettato fattore nel declino di queste balene", ha detto uno degli autori, Greg Ruggerone. "È importante capire meglio cosa sta succedendo perché ciò potrebbe aiutare a facilitare le azioni di recupero della specie".

Ruggerone, presidente dei Natural Resources Consultants di Seattle ed ex presidente del Comitato consultivo scientifico indipendente del Columbia River, assieme agli altri autori, ovvero Alan Springer dell'Università dell'Alaska di Fairbanks, Leon Shaul del Dipartimento dell'Alaska di Fish and Game ed il ricercatore indipendente Gus van Vliet di Auke Bay, in Alaska, ha già studiato in che modo il salmone rosa competa con altre specie.

Analizzando ulteriormente i dati, i ricercatori hanno scoperto che dal 1998 al 2017 ci furono 32 nascite riuscite di balene durante gli anni dispari, ma solo 16 durante gli anni pari.

"Sappiamo che alcuni sono anni favorevoli per le balene e alcuni sono sfavorevoli, ma non avevamo messo insieme che fosse una tendenza biennale", ha detto Ken Balcomb, direttore fondatore del centro, uno dei massimi esperti del settore - Chiamate le orche del Sud Resident.

Ma nel 1998, gli allevamenti di salmoni sono stati ridotti nell'ottica di incrementare l'ordine naturale scombussolato dalla pesca eccessiva, dall'inquinamento e dal degrado del loro habitat. Nello stesso periodo si è verificato un forte cambiamento delle condizioni oceaniche, favorendo in particolare il proliferare del salmone rosa, aumentando l'abbondanza di zooplancton, che costituisce gran parte della dieta del salmone rosa.

L'effetto combinato dei cambiamenti dell'oceano e delle restrizioni di pesca ha notevolmente giovato ai salmoni rosa, che sono di gran lunga le specie di salmone più numerosa nel Pacifico settentrionale. Quando tornano al Salish Sea, ci sono circa 50 salmoni per ogni Chinook.

Nel frattempo, le popolazioni Chinook hanno continuato a sopravvivere a fatica e la carenza di Chinook è considerata la più grave minaccia per le orche, in quanto base della loro dieta. Le orche non mangiano quasi mai salmone rosa. I ricercatori ipotizzano che il numero crescente di salmoni rosa nel Mar Salish durante gli anni dispari abbia interferito con l'ecolocalizzazione che le orche usano per cacciare i Chinook.

Un'altra ipotesi è che la presenza di salmone rosa significhi meno cibo per i Chinook, e quindi meno cibo per le orche, conclude Ruggerone.

FONTE: phys
Quanto è interessante?
2