Le vecchie reti 2G potrebbero essere utilizzate per controllare il traffico dei droni

di

Uno degli aspetti più interessanti sui droni riguarda la politica che verrà loro applicata, visto che questi aggeggi stanno sorvolando i nostri cieli in un numero sempre maggiore. Tracciarli tutti è davvero difficile tenuto conto del numero, ma le vecchie reti 2G potrebbero arrivare in nostro aiuto.

Esse infatti potrebbero essere utilizzate per aggiornare la posizione dei droni e collezionare altre utili informazioni, permettendo di produrre una mappa per controllare il traffico – proprio in modo simile a quanto avviene con gli aerei.
La tecnologia la sta sviluppando PrecisionHawk e, più specificatamente, questa farà in modo di erigere un sistema che manderà fino a 40 messaggi di testo al secondo ai droni, sfruttando appunto la rete 2G il cui bandwidth è sempre più “libero”.
L’affidabilità del sistema è sicuramente qualcosa da tenere assolutamente sott’occhio, visto che il fine di questa tecnologia è il creare una sorta di “autorità centrale” che sa in ogni momento dov’è ognuno dei droni in volo.

Quanto è interessante?
0