La Lega sceglie la linea morbida con Sky: le ultime partite di Serie A non sono a rischio

La Lega sceglie la linea morbida con Sky: le ultime partite di Serie A non sono a rischio
di

Come ampiamente previsto, la sentenza del giudice che ha dato ragione a Sky, intimando il pagamento dell'ultima rata dei diritti tv per la stagione in corso, ha avuto ripercussioni importanti sull'assemblea di Lega di ieri pomeriggio. Tuttavia, almeno al momento, è stato scongiurato il blocco del segnale.

Nella nota diffusa al termine della riunione, infatti, l'Assemblea di Lega Serie A ha annunciato che "a tutela e nel pieno rispetto dei propri tifosi, degli sponsor e di tutti gli stakeholders, hanno deciso di non sospendere l'esecuzione del contratto di licenza dei diritti audiovisivi nonostante il mancato versamento, da parte di Sky, dell'ultima rata del corrispettivo dovuto".

Le venti squadre, pur scegliendo la linea morbida da questo fronte, hanno però reiterato a Sky l'intimazione al pagamento della rata scaduta a maggio, anche in considerazione del decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Milano che, però, come abbiamo avuto modo di raccontare a più riprese su queste pagine, ancora non è operativo e non lo sarà in tempi brevi qualora la pay tv dovesse decidere di presentare ricorso.

Nella nota viene anche sottolineato che nelle prossime settimane inizierà il lavoro preparatorio del bando per il triennio 2021-2024, che interesserà da vicino Sky alla luce della decisione del Consiglio di Stato di togliere l'esclusiva totale.

Quanto è interessante?
2