Ecco le leggi del primo periodo Edo in Giappone per mantenere la pace

Ecco le leggi del primo periodo Edo in Giappone per mantenere la pace
di

Durante il periodo Edo (1603-1867), il governo giapponese ordinò ai signori feudali di tutto il paese di ricostruire importanti castelli e realizzare un ampio sviluppo delle infrastrutture. I ricercatori hanno ritrovato un documento che delineava il codice di condotta del clan Hosokawa per i vassalli durante la ricostruzione del castello di Sunpu.

Il documento descrive tutte le cose da fare per evitare litigi con vassalli o lavoratori di altri clan. Ecco quali sono:

  • Articolo 1: nomina Masazumi Honda, Aiutante dello Shogun, in tutte le questioni disciplinari della costruzione;
  • Articolo 2: i combattimenti all'interno del clan sono rigorosamente evitati. Coloro che disobbediscono venivano puniti con la morte;
  • Articoli da 3 a 5: disposizioni volte a prevenire scontri con altri clan (come il divieto di osservare possibili pagamenti e il pagamento di alcune tasse);

Il documento in questione è diviso in due parti e la seconda metà del codice offre uno sguardo alla vita della classe dei lavoratori:

  • Articolo 6: il sake e tutto l'alcol è severamente proibito;
  • Articolo 7: per andare in città si deve chiedere il permesso e dichiarare la natura della commissione al magistrato;
  • Articolo 8: gli incontri con persone di altri clan o dello shogunato sono severamente vietati.

"Questa scoperta ci fornisce una grande quantità di informazioni sulla politica relativa alla mobilitazione dei signori feudali da parte dello shogunato per costruire castelli", afferma il professor Tsuguharu Inaba, che ha scoperto il documento e ha fatto parte del team del Centro di ricerca Eiseibunko dell'Università di Kumamoto che lo ha decifrato.

Curiosi di scoprire com'era la vita nell'antico Giappone medievale? Ve lo abbiamo già raccontato (prima parte e seconda parte).

Quanto è interessante?
3