Lotta ai tumori: Una nuova arma contro le cellule cancerose

Lotta ai tumori: Una nuova arma contro le cellule cancerose
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il nuovo studio condotto da Claus M. Azzalin, capogruppo dell'Instituto de Medicina Molecular "João Lobo Antunes iMM" in Portogallo, mostra per la prima volta come la manipolazione telomerica possa stabilire una soglia di danno che conduca le cellule tumorali a morte certa. Un risultato che aprirà nuove possibilità per la terapia del cancro.

Partiamo innanzitutto con dei cenni di biologia. I telomeri sono le estremità dei cromosomi, che continuano inesorabilmente ad accorciarsi ad ogni divisione cellulare, funzionando come un vero e proprio orologio biologico per l'invecchiamento cellulare.

La maggior parte delle cellule tumorali è però in grado di fermare questo meccanismo di attraverso l'azione della telomerasi, una molecola che contrasta proprio l'accorciamento delle estremità dei cromosomi.

Tuttavia, circa il 10% dei tumori umani è costituito da un tipo di cellule cancerose, chiamate cellule ALT, che mantengono i loro telomeri senza l'influenza della telomerasi e che, parallelamente, sono anche particolarmente resistenti alle chemioterapie convenzionali.

Le cellule ALT sono quindi in grado di regolare il danno al DNA nei loro telomeri ad ogni divisione cellulare, consentendo loro così di dividersi continuamente.

Nel nuovo studio, Bruno Silva e Claus M. Azzalin dell'iMM, hanno scoperto che la fonte di questo danno è TERRA, o telomeric repeat-containing RNA, una molecola di RNA prodotta dagli stessi telomeri.

"Quando i livelli di TERRA aumentano, aumenta anche il danno ai telomeri e questo diventa così pesante che anche una cellula cancerosa, solitamente molto più resistente, non è più in grado di moltiplicarsi", ha affermato il dott. Silva.

"In precedenza, abbiamo scoperto che questa molecola, TERRA, ha un ruolo importante nel processo di danneggiamento del DNA. Ora, abbiamo finalmente capito quale meccanismo molecolare è implicato nel processo e che avviene all'interno delle cellule ALT", ha aggiunto il dott. Azzalin.

Al contrario delle cellule normali, dove TERRA è presente solo a livelli molto bassi e la sua funzione fisiologica è ancora largamente sconosciuta, nelle cellule ALT sono invece naturalmente più abbondanti.

Il team di ricerca ha quindi utilizzato strumenti molecolari per aumentare ulteriormente i livelli di TERRA all'interno delle cellule tumorali ALT, osservando così un accumulo di danni nel DNA dei telomeri.

"Per la cellula cancerosa le conseguenze di questo nostro approccio sono catastrofiche. Infatti, la cellula non può assorbire telomeri multipli danneggiati, così smette di dividersi e muore", ha spiegato il dott. Silva.

Questi incredibili risultati aprono una nuova strada per lo sviluppo di protocolli terapeutici nel trattamento dei tumori ALT basati su questa tecnica di manipolazione cellulare.

Rimanendo in tema, tempo fa vi avevamo parlato di alcuni micro dispositivi di DNA per curare il cancro. Oppure, questo nuovo farmaco che elimina i tumori risparmiando i tessuti sani. La ricerca scientifica nella lotta al cancro non smette di cercare di trovare una soluzione definitiva.

FONTE: PNAS
Quanto è interessante?
4
Lotta ai tumori: Una nuova arma contro le cellule cancerose