Una malattia trasforma le stelle marine in una sostanza appiccicosa: ora sappiamo perché

Una malattia trasforma le stelle marine in una sostanza appiccicosa: ora sappiamo perché
di

Nel 2013 gli scienziati marini osservarono una strana malattia che colpiva le stelle marine e ne uccise a milioni. Con questa condizione, le braccia della creatura si staccavano e i corpi si scioglievano in una sostanza appiccicosa.

"C'erano braccia dappertutto", ha dichiarato l'anno scorso l'ecologista Drew Harvell. "Sembrava una zona esplosa". I resti di questi animali, che di solito sono in grado di rigenerare i propri arti, sono stati sparsi lungo l'intera costa occidentale del Nord America, in uno dei più grandi eventi di mortalità di massa della fauna selvatica mai registrati.

Oltre 20 specie di stelle marine stavano morendo. La malattia, chiamata Sea Star Wasting Syndrome (SSW), è stata causata da un batterio. Confrontando i tipi di batteri all'interno di stelle marine sane e malate, i ricercatori hanno scoperto che i batteri che prosperavano in ambienti a basso contenuto di ossigeno erano abbondanti negli animali malati, così come i copiotrofi, batteri che amano ambienti ricchi di nutrienti.

Esperimenti in laboratorio hanno confermato che l'esaurimento dell'ossigeno dell'acqua abbiano causato lesioni di fusione dei tessuti nel 75% delle stelle marine. Rianalizzando i campioni di tessuto dall'evento del 2013, i ricercatori hanno rilevato un eccesso di azoto, un segno che questi animali siano morti soffocati.

"Le stelle marine diffondono ossigeno sulla loro superficie esterna attraverso piccole strutture chiamate papule", spiega il microbiologo marino della Cornell University, Ian Hewson. "Se non c'è abbastanza ossigeno intorno alle papule, la stella marina non può respirare". Questi microrganismi non causano direttamente la malattia, ma rubano l'apporto di ossigeno alle creature quando livelli aumentati di materia organica stanno provocando la fioritura dei microbi.

Le stelle marine, quindi, annegano letteralmente nel loro habitat. I loro corpi in decomposizione aumentano ulteriormente i nutrienti per i microbi. Questi eventi vengono segnalati nel tardo autunno o in estate, quando il fitoplancton che aumenta i livelli di nutrienti nell'acqua tramite la fotosintesi è più abbondante. Le temperature più calde sono note cause di fioriture di fitoplancton e l'evento di deperimento delle stelle marine in Australia ha seguito l'ondata di caldo più lunga e intensa mai registrata.

Quanto è interessante?
6
Una malattia trasforma le stelle marine in una sostanza appiccicosa: ora sappiamo perché