Mark Zuckerberg presenta il programma politico di Facebook

di

Dopo qualche mese di ferie, a seguito della nascita della secondogenita, <>Mark Zuckerberg è tornato a lavorare per Facebook ed ha immediatamente affrontato uno dei problemi più importanti che attanagliano il social network: la politica.

Nel corso di un discorso tenuto dall’amministratore delegato in diretta sul proprio account ufficiale, Zuckerberg ha esposto un programma in nove punti, che mostra l’approccio che avrà il sito nei confronti dei prossimi appuntamenti politici:

  1. Il social network continuerà a lavorare con il governo degli Stati Uniti riguardo le indagini sulle possibili interferenze della Russia sulle elezioni dello scorso Novembre. La compagnia chiaramente non può ancora rivelare molte informazioni, ma le informazioni in possesso dell’esecutivo sono già molte;
  2. Facebook, inoltre, continuerà ad indagare su ciò che è successo durante le elezioni, consultando anche gruppi russi e di stati ex sovietici, per fare chiarezza a riguardo;
  3. Cambiamenti anche sulla politica pubblicitaria, che sarà più trasparente durante gli appuntamenti elettorali. Per Zuckerberg è questo il passo più importante di tutto il programma. Gli inserzionisti, infatti, non solo dovranno rivelare quali pagine hanno pagato per un determinato annuncio, ma saranno disponibili anche informazioni supplementari sulle pubblicità elettorali. Le nuove funzioni saranno attive nei prossimi mesi;
  4. Facebook rafforzerà anche il processo di revisione delle pubblicità contenenti annunci politici, rendendolo più intelligente ed avanzato, rendendolo in grado di riconoscere la propaganda;
  5. Per garantire la democrazia, Facebook si è detto disposto ad investire maggiormente nella sicurezza. Il tutto avverrà attraverso un raddoppio dell’attuale team, composto da 250 persone;
  6. Facebook condividerà più informazioni di intelligence con altre compagnie della Silicon Valley e di sicurezza, il tutto seguendo la politica de “l’unione fa la forza”;
  7. E’ prevista anche un’espansione della partnership con le commissioni elettorali. L’obiettivo è aprire un vero e proprio canale di comunicazione per dare alle commissioni elettorali delle comunicazioni contenenti i potenziali rischi online per delle specifiche elezioni;
  8. Il lavoro produttivo migliora il processo democratico. Ecco perchè Facebook creerà più servizi per proteggere la community durante il dibattito politico, il tutto migliorando il sistema anti-bullismo per evitare che gli utenti si sentano attaccati quando sono impegnati in un discorso civile;
  9. Gli occhi saranno puntati sulle elezioni tedesche del fine settimana;

Per Facebook il processo democratico è fondamentale, e vuole fare la propria parte per proteggere le integrità delle elezioni. La nostra missione è dare alle persone un modo per esprimersi. I valori democratici sono a cuore di tutti noi. Non voglio che le persone utilizzino i nostri strumenti per minare la democrazia” ha affermato Zuckerberg nella diretta.

FONTE: TNW
Quanto è interessante?
7