Su Marte esistevano laghi e fiumi: il rover Perseverance conferma la scoperta

Su Marte esistevano laghi e fiumi: il rover Perseverance conferma la scoperta
di

Sappiamo che Marte molto probabilmente un tempo era un pianeta con dell'acqua sulla sua superfice e, nonostante le prove sempre più schiaccianti, confermare un'ipotesi del genere è sicuramente difficile. Tuttavia, il rover Perseverance sembra aver scoperto una prova della sua antica presenza.

Il veicolo spaziale della NASA è atterrato a febbraio all'interno del Cratere Jezero. "Senza guidare da nessuna parte, il rover è stato in grado di risolvere una delle grandi incognite: ovvero che un tempo questo cratere era un lago", afferma il coautore dello studio Benjamin Weiss, professore di scienze planetarie presso il Massachusetts Institute of Technology.

Perseverance ha due grandi obiettivi durante la sua permanenza sul Pianeta Rosso: trovare prove della possibile vita passata e raccogliere dozzine di campioni da riportare sulla Terra (attualmente il rover ha già raccolto due campioni). Il cratere ospita quello che sembra essere un delta, un luogo in cui un fiume sfociava in un lago circa 3,7 miliardi di anni fa, depositando sedimenti che potrebbero ospitare prove di antichi microbi marziani (se mai dovessero esistere).

In un nuovo studio pubblicato il 7 ottobre sulla rivista Science, gli scienziati hanno esaminato - grazie alla SuperCam del rover - il bordo del grande affioramento del delta e un'isola in mezzo al cratere del lago soprannominata "Kodiak". Le immagini sono abbastanza nitide e sono stati osservati strati di sedimenti che potevano essere stati depositati solo da un fiume che scorre all'interno di un lago.

Gli scienziati pensano che l'acqua su Marte sia scomparsa circa 3,5 miliardi di anni fa, dopo la fine del campo magnetico del pianeta. Le foto analizzate possono fornire uno spunto davvero molto interessante sul passato del lago: ad esempio sono presenti grandi massi, alcuni alti perfino 1,5 metri, che sono stati spostati da un flusso potente; molto probabilmente un'inondazione che ha spostato fino a 3.000 metri cubi di acqua al secondo.

Questo è solo l'inizio, e nuove scoperte saranno effettuate durante il periodo di esplorazione del rover Perseverance. Nel frattempo, prossimamente i veicoli presenti su Marte andranno in ferie a causa della posizione del Sole.

FONTE: space
Quanto è interessante?
2
Su Marte esistevano laghi e fiumi: il rover Perseverance conferma la scoperta