Marte potrebbe aver impiegato più tempo del previsto per formarsi

Marte potrebbe aver impiegato più tempo del previsto per formarsi
di

All'inizio della storia del nostro Sistema Solare, il nostro "quartiere galattico" non era per nulla un posto tranquillo. Era un luogo violento e caotico, una sorta di "far west cosmico". Tutto questo per colpa dello scontro continuo di planetesimi, asteroidi e detriti che, alla fine, formarono tutti i corpi celesti che conosciamo oggi.

Questa caotica situazione, secondo uno studio del Southwest Research Institute (SwRI), rallentò la velocità di formazione di Marte, che venne colpito da numerosi planetesimi (un oggetto roccioso primordiale alla base della formazione dei pianeti). Come hanno fatto a scoprire questa informazione gli scienziati? Utilizzando campioni di meteorite marziano trovati sulla Terra, i ricercatori sono stati in grado di modellare la miscela di materiali che costituivano il primo mantello del pianeta.

Lo studio ha rivelato che il Pianeta Rosso ha ricevuto una varietà di elementi, come tungsteno, platino e l'oro, a seguito di queste collisioni. "Per indagare su questo processo, abbiamo eseguito una simulazione dell'impatto dell'idrodinamica delle particelle levigate", afferma Simone Marchi, autore principale dello studio.

Secondo i campioni meteoritici, i planetesimi hanno bombardato il Pianeta Rosso diverse volte dopo la formazione del nucleo primario del pianeta. Precedenti studi sul rapporto degli isotopi di tungsteno nei campioni di meteorite marziano suggerirono che Marte si sviluppò rapidamente, tra i 2 e i 4 milioni di anni dopo l'inizio della formazione del sistema solare, circa 4.6 miliardi di anni fa. Tuttavia, i nuovi modelli mostrano che le grandi collisioni avrebbero potuto alterare il rapporto degli elementi nel mantello marziano, il che significa che il pianeta potrebbe essersi formato in un periodo di 20 milioni di anni (e non di 2-4 milioni di anni come inizialmente teorizzato).

"Per comprendere appieno Marte, dobbiamo comprendere il ruolo svolto dalle collisioni più antiche ed energiche nella sua evoluzione e composizione", ha dichiarato infine Marchi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Science Advances il 12 febbraio.

FONTE: space.com
Quanto è interessante?
2
Marte potrebbe aver impiegato più tempo del previsto per formarsi