Mastercard dice addio alla banda magnetica nelle carte di credito: transizione dal 2024

Mastercard dice addio alla banda magnetica nelle carte di credito: transizione dal 2024
di

La prossima rivoluzione nelle carte di credito sarà l’eliminazione delle bande magnetiche nel corso del prossimo decennio. A guidare questo cambiamento è Mastercard, la quale ha annunciato che sarà la prima rete di pagamenti a eliminare gradualmente tale tecnologia a partire dal 2024, muovendosi verso chip e pagamenti contactless.

Come riportato anche da The Verge, Mastercard ha intenzione di avviare questa transizione tra tre anni in Europa, dove le carte con chip sono già utilizzate da moltissimi cittadini; negli Stati Uniti, invece, si vocifera un avvio della transizione nel 2027. Il piano prevede l'eliminazione della banda magnetica dalle nuove carte di credito e debito Mastercard dal 2029, mentre la scomparsa completa per tutte le carte del circuito dovrebbe avvenire entro il 2023 a seconda della scadenza di quelle già rilasciate.

Mastercard ha osservato come la pandemia COVID-19 abbia contribuito molto alla popolarità dei pagamenti contactless tramite carta o smartphone: la società ha infatti registrato un aumento delle transazioni contactless di ben 1 miliardo nel corso del primo trimestre del 2021, rispetto al Q1 2020. A livello globale, inoltre, risulta che il 45% delle transazioni nel secondo trimestre siano state contactless.

La scelta del chip EMV sembra dunque essere lo standard consolidato per il futuro, trattandosi di una soluzione più sicura per la conservazione dei dati dei titolari della carta: oggi si stima che l'86% delle transazioni con carta di credito o debito avvenga grazie al chip EMV e all’autenticazione via PIN piuttosto che con la banda magnetica. Ad “arrancare” sono però gli Stati Uniti, dove il chip EMV non è stato adottato rapidamente come nel resto del mondo.

A proposito di Mastercard, a inizio anno la società ha annunciato di essere al lavoro con Samsung su una carta di credito con lettore di impronta digitale; o ancora, lo scorso febbraio ha annunciato che entro fine 2021 supporterà i pagamenti con criptovalute.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
7