Questi mattoncini simili ai Lego sono il futuro della riparazione ossea

Questi mattoncini simili ai Lego sono il futuro della riparazione ossea
di

Come riparare le ossa in seguito a una frattura? In base alla gravità esistono metodi diversi come interventi per l’applicazione di placche e viti in metallo, oppure il classico gesso ortopedico o tutore per immobilizzare la parte interessata. L’ultima novità però consiste in mattoncini minuscoli simili ai Lego, prodotti con delle stampanti 3-D.

Secondo una nuova ricerca pubblicata dall'OHSU School of Medicine, questi piccoli mattoncini dalle dimensioni di 1.5 millimetri cubi fungono da impalcatura per permettere sia a tessuti duri che tessuti molli di ricrescere a velocità superiori rispetto a quella dei metodi tradizionali. Il vantaggio principale di questo sistema consiste nel poter riempire i blocchi con quantità ridotte di gel in grado di velocizzare ulteriormente la rigenerazione del tessuto osseo.

Il leader del team di ricerca e professore associato di ingegneria biomedica presso la OHSU School of Medicine, Luiz Bertassoni, ha dichiarato: “Questo sistema, in attesa di brevetto, è veramente facile da usare: i mattoncini possono essere impilati assieme, proprio come i Lego, in migliaia di configurazioni diverse per adattarsi alla complessità e alle dimensioni di praticamente qualsiasi situazione”.

La versatilità dei mattoncini è il vero punto di forza di questa tecnologia modulare che, secondo i calcoli del team guidato da Bertassoni, può essere riadattata in più di 29.000 configurazioni diverse. Ancora, i ricercatori ritengono che in futuro potrebbe essere usata per curare le ossa tagliate per il trattamento del cancro, procedure di fusione spinale, costruire ossa mascellari indebolite o addirittura creare organi per trapianti. In quest’ultimo caso, però, servirà ulteriore ricerca per capire come cambiare la composizione dei mattoncini.

In passato le stampanti 3-D sono state usate dall'Agenzia Spaziale Europea per scopi simili, ovvero curare fratture e ustioni nello spazio.

Quanto è interessante?
4