Mercato smartphone inizia a sentire la carenza di chip: calano le spedizioni globali

Mercato smartphone inizia a sentire la carenza di chip: calano le spedizioni globali
di

Il problema della carenza di chip su scala globale attanaglia i colossi della tecnologia da diverso tempo, ma gli effetti si stanno facendo sentire principalmente in questi mesi. Le ultime indagini di mercato parlano di un primo, importante calo nelle spedizioni di smartphone su scala globale, effetto diretto della mancanza di componenti.

A condividere con il pubblico questi dati sono stati gli esperti di Canalys, i quali hanno notato la diminuzione del 6% nelle spedizioni di smartphone durante luglio-settembre 2021 rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso. Secondo le loro stime, saranno necessari ancora circa 12 mesi (se non di più) affinché domanda e offerta tornino alla pari.

Scendendo nel dettaglio, Samsung continua a mantenere la quota di mercato del 23% come nel Q3 del 2020, rimanendo quindi in vetta alla classifica. Apple segue con il 15% per un aumento del 3% rispetto al terzo trimestre dell’anno passato. Xiaomi si trova invece al terzo posto con il 14%: non cambia la percentuale, ma cambia la posizione nella graduatoria. A completare la Top 5 sono vivo e OPPO, entrambe con il passaggio dal 9% al 10%.

A rilasciare qualche ulteriore parola in merito a questa situazione del mercato smartphone è il Principal Analyst di Canalys, Ben Stanton: “L'industria degli smartphone sta cercando di massimizzare la produzione di dispositivi nel miglior modo possibile. Dal lato dell'offerta, i produttori di chipset stanno aumentando i prezzi per disincentivare gli ordini eccessivi, nel tentativo di colmare il divario tra domanda e offerta. Nonostante ciò, le carenze non si attenueranno fino al 2022 inoltrato. Di conseguenza, oltre agli elevati costi di trasporto globale, i marchi di smartphone hanno aumentato con riluttanza i prezzi al dettaglio dei dispositivi”.

Egli ha dunque aggiunto che l’esaurimento delle scorte si farà notare soprattutto in occasione del Black Friday in Occidente e del Single’s Day in Cina, senza considerare le sempre più vicine festività natalizie: “Le scorte di smartphone del canale stanno già esaurendo e poiché sempre più clienti iniziano ad anticipare questi cicli di vendita, l'imminente ondata di domanda sarà impossibile da soddisfare. I clienti dovrebbero aspettarsi che lo sconto sugli smartphone quest'anno sia meno aggressivo”.

Proprio per rispondere alla crisi dei chip, TSMC e Sony starebbero pensando a un’alleanza per costruire una nuova fabbrica di semiconduttori, unendo forze e risorse per contribuire maggiormente alla ripresa.

FONTE: Canalys
Quanto è interessante?
3
Mercato smartphone inizia a sentire la carenza di chip: calano le spedizioni globali