Questo meteorite potrebbe racchiudere il segreto della vita sulla Terra

Questo meteorite potrebbe racchiudere il segreto della vita sulla Terra
di

Si stima che ogni anno cadano sul nostro pianeta oltre diecimila frammenti meteoritici. Alcuni sopravvivono al rientro atmosferico fino a precipitare sul suolo, conservando segreti cosmici di inestimabile importanza.

È proprio quello che è avvenuto l’anno scorso in Costa Rica, dove un meteorite grande quanto una lavatrice ha creato un gran scompiglio nel villaggio di Aguas Zarcas, senza per fortuna uccidere nessuno: un boato e una luce arancio folgorante ha destato grande stupore nei residenti, che si son trovati sui propri terrazzi e giardini centinaia di fori e di pietre in fiamme. Il grande meteorite era esploso nell’atmosfera soprastante per poi riversare i suoi preziosi detriti sulla zona abitata.

Tutti i residui caduti dal cielo son stati raccolti e conservati, prendendo proprio il nome di meteoriti “Aguas Zarcas”. Alcuni frammenti però, dopo i più recenti studi, potrebbero essere dei campioni di straordinaria rarità: non tanto per il loro colorito interno a mo’ di “arcobaleno”, ma più per la loro composizione chimica.

Si suppone che i frammenti appartengano alla famiglia delle “Condriti carboniose”, l’insieme di meteoriti che risalgono al Sistema solare primordiale. La loro formazione è ancora incerta, ma si ipotizza provengano dalla Fascia Principale degli asteroidi, conservando al loro interno polveri e composti di oltre quattro miliardi di anni fa, quando il nostro sistema era ancora in formazione.

Gli Aguas Zarcas presentano un tasso di amminoacidi e di composti organici più alto di tutti gli altri meteoriti rinvenuti sulla Terra, e questo potrebbe aiutarci a capire come la vita abbia avuto origine qui sul nostro pianeta, magari “trasportata” proprio da una di queste rocce cosmiche. C’è anche la possibilità, tuttavia, che i meteoriti siano stati in qualche mondo contaminati, essendo precipitati nella foresta del Costa Rica, e questo lascia ancora in dubbio gli esperti.

Per un concreto passo avanti si dovrà aspettare il ritorno della missione Hayabusa 2, con il suo carico di polveri e rocce dall’asteroide 162173 Ryugu, previsto per il 6 dicembre 2020. Lo studio di tali campioni assolutamente vergini potrà far luce sul mistero che continua ad avvolgere “l’innesco” della vita terrestre. Nel frattempo, gli Aguas Zarcas rimangono meteoriti di inestimabile valore, alcuni dei quali hanno superato il valore dell’oro al grammo.

FONTE: SPACE.COM
Quanto è interessante?
4
Questo meteorite potrebbe racchiudere il segreto della vita sulla Terra