Microplastiche trovate per la prima volta nel ghiaccio dell'Antartide

Microplastiche trovate per la prima volta nel ghiaccio dell'Antartide
di

Anche il continente più remoto della Terra non è immune dai pericoli dell'inquinamento da plastica e dai rifiuti prodotti dall'uomo. In questo luogo, infatti, recentemente sono stati trovati dei livelli relativamente bassi di microplastiche.

Analizzando un nucleo di ghiaccio raccolto nell'Antartide orientale nel 2009, l'Institute for Marine and Antarctic Studies ha pubblicato le loro scoperte sulla rivista Marine Pollution Bulletin. Il ghiaccio marino sciolto conteneva 96 particelle di microplastica, circa 12 per litro, provenienti da 14 diversi tipi di polimero.

"La lontananza dell'Oceano Antartico non è stata sufficiente per proteggerlo dall'inquinamento da plastica, che è ormai pervasivo in tutti gli oceani del mondo", ha dichiarato Anna Kelly, autrice dello studio principale. Fino al 75% delle materie plastiche identificate erano polimeri utilizzati - in particolare - nelle industrie marittime, probabilmente liberati da reti di plastica e attrezzature da pesca nell'Oceano Antartico.

"I polimeri microplastici nel nostro nucleo di ghiaccio erano più grandi di quelli nell'Artico, il che potrebbe indicare fonti di inquinamento locali perché la plastica ha meno tempo per rompersi in fibre più piccole rispetto a quelle trasportate su lunghe distanze sulle correnti oceaniche", ha spiegato Kelly. "Le fonti locali potrebbero includere abbigliamento e attrezzature utilizzate da turisti e ricercatori, mentre il fatto che abbiamo anche identificato fibre di vernice e materie plastiche comunemente utilizzate nel settore della pesca suggerisce una fonte marittima."

Gli scienziati sanno relativamente poco degli effetti biologici a lungo termine della microplastica sulla vita, tuttavia, queste possono essere un pericolo se ingerite dagli animali.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
2
Microplastiche trovate per la prima volta nel ghiaccio dell'Antartide