Microsoft: l'IA ha ridotto al minimo i crash provocati dagli aggiornamenti per Windows 10

Microsoft: l'IA ha ridotto al minimo i crash provocati dagli aggiornamenti per Windows 10
di

Microsoft ha affermato che l'utilizzo dell'intelligenza artificiale in fase di distribuzione degli aggiornamenti per Windows ha portato ad una significativa riduzione dei crash, in quanto il sistema consente agli sviluppatori di identificare rapidamente i problemi e quindi fixarli tempestivamente.

Microsoft ha iniziato ad utilizzare l'IA per valutare i computer su cui gli update possono girare tranquillamente con la versione 1803 di Windows 10, l'April 2018 Update. Da allora ha monitorato sei statistiche che sono state caricate in un algoritmo basato sul deep learning. Questo ha indicato alla società di Satya Nadella quali computer hanno meno probabilità di incappare in eventuali bug.

Grazie a questo sistema, Microsoft è in grado di portare le novità per Ten sulla maggior parte dei dispositivi in tempi molto ristretti, garantendo un utilizzo fluido.

I PC che secondo l'IA hanno più probabilità di riscontrare problemi vengono messi in fondo alla coda di aggiornamento, in modo tale da non imbattersi in malfunzionamenti di sorta. In questo modo, inoltre, Big M è in grado di correggerli rapidamente limitando al minimo l'impatto sugli utenti finali.

Secondo i dati diffusi, la prima distribuzione effettuata utilizzando questo sistema è stata un successo, con tassi di adozione superiori a tutti i precedenti aggiornamenti di Windows. Microsoft ha esteso le metriche ad una platea più ampia di PC, ma nonostante ciò non è comunque in grado di garantire aggiornamenti bug-free.

Di recente gli utenti hanno segnalato vari problemi con l'aggiornamento KB4515384, alcuni dei quali sono stati già risolti.

Quanto è interessante?
6
Microsoft: l'IA ha ridotto al minimo i crash provocati dagli aggiornamenti per Windows 10