Migliora qualità audio e video chiamate su Microsoft Teams: ci pensa l'IA!

Migliora qualità audio e video chiamate su Microsoft Teams: ci pensa l'IA!
di

Dopo l’introduzione della piattaforma Microsoft Entra pensata per “semplificare radicalmente la gestione e la verifica dell'identità digitale”, la società di Redmond migliora la qualità audio e video delle chiamate su Microsoft Teams grazie all’aggiornamento dell’intelligenza artificiale.

Il primo passo importante, come enfatizzato dalla stessa società statunitense, riguarda l’eco: grazie all’IA, ora Teams riesce a distinguere a dovere la voce dell’utente e i rumori dell’altoparlante così da rimuovere l’effetto eco che porta un suono a ripetersi in loop. Sempre sul fronte audio, Microsoft ha lavorato sulla naturalezza delle conversazioni rendendo più fluide le discussioni dal vivo; in termini più semplici, ora si potrà parlare e ascoltare un altro interlocutore mentre parla a sua volta, sovrapponendosi senza sentire spiacevoli effetti audio.

Sul fronte video, invece, l’intelligenza artificiale consentirà l’utilizzo di filtri inediti per regolare la luminosità dell’immagine e scegliere una messa a fuoco differente affinché il sistema possa adattarsi come si deve ad ambienti dove la luce è piuttosto scarsa.

La vicepresidente di Microsoft Teams, Nicole Herskowitz, ha affermato quanto segue: “Effetti eco dirompenti, scarsa acustica della stanza e video instabile sono alcuni problemi comuni che ostacolano l'efficacia delle chiamate e delle riunioni online. Attraverso l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico, che sono diventati fondamentali per la nostra strategia di miglioramento continuo, abbiamo identificato e ora stiamo fornendo miglioramenti innovativi in Microsoft Teams che migliorano tali sfide audio e video in modi che sono sia user-friendly che scalabili in tutti gli ambienti”.

Nel mentre, ci si prepara a salutare per sempre Internet Explorer.

FONTE: Microsoft
Quanto è interessante?
4
Migliora qualità audio e video chiamate su Microsoft Teams: ci pensa l'IA!