Milioni di spazzolini da denti smart utilizzati per attacchi DDoS? Fermi tutti

Milioni di spazzolini da denti smart utilizzati per attacchi DDoS? Fermi tutti
di

Febbraio 2024. Su portali ben noti in ambito Tech, ad esempio Tom's Hardware, viene raccontata una storia che non può che far sorridere sin dalle premesse. Milioni di spazzolini da denti sarebbero parte di una botnet, che avrebbe tra l'altro causato "danni per milioni di euro a un'azienda svizzera".

Peccato che nulla di tutto ciò abbia senso (e poco importa che nella storia vengano citati spazzolini smart). Non è d'altronde un caso che l'iniziale titolo dell'articolo di Tom's Hardware, ovvero "Tre milioni di spazzolini smart infettati da malware utilizzati negli attacchi DDoS svizzeri - la botnet causa danni per milioni di euro" (chi ha detto WayBack Machine?) sia ora stato modificato.

Ma cos'è accaduto? Lo si capisce direttamente dal nuovo titolo: "L'azienda di sicurezza adesso afferma che l'attacco DDoS tramite spazzolini da denti non è avvenuto". Viene tuttavia indicato che "l'azienda lo ha presentato come reale". In parole povere, come fatto notare anche da Ars Technica, si trattava di un esempio estremo per cercare di spiegare un certo tipo di attacco, che qualcuno sembra però aver preso come scenario reale (tutto sembrerebbe iniziato da un articolo in tedesco di Aargauer Zeitung).

Diversi esperti di sicurezza hanno subito ricordato che, comunque, uno scenario del genere non ha senso. Tra l'altro, gli spazzolini smart si collegano allo smartphone mediante Bluetooth, senza connettersi direttamente a Internet. Insomma, per certi versi risulta comprensibile il messaggio lasciato su Twitter X dall'esperto di sicurezza Robert Graham, che non ha probabilmente bisogno di troppe traduzioni.

Vista la diffusione della questione, valeva insomma la pena fare chiarezza. In ogni caso, quantomeno questa vicenda può far sorridere nel weekend, pensando a fantomatici malintenzionati intenzionati a controllare la nostra igiene orale. Chissà che non riescano a farci risparmiare un po' di soldi dal dentista.