La missione spaziale Lucy della NASA ha un nuovo bersaglio: una piccola luna

La missione spaziale Lucy della NASA ha un nuovo bersaglio: una piccola luna
di

Lucy è una missione spaziale esplorativa della NASA diretta verso 4 asteroidi troiani di Giove, che condividono la loro orbita attorno al Sole con il gigante gassoso. Adesso, a meno di due anni prima del lancio, gli scienziati della missione hanno scoperto un piccolo asteroide aggiuntivo che verrà visitato dal veicolo spaziale.

Dopo il lancio nel 2021 e con un viaggio di 12 anni e di oltre 7 miliardi di chilometri, la sonda arriverà finalmente alla sua destinazione. Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble, il team dietro Lucy ha scoperto che il primo bersaglio che visiterà il veicolo spaziale (Eurybates) è dotato di un satellite.

"Eurybates è considerato il più grande residuo di una gigantesca collisione verificatasi miliardi di anni fa. Le simulazioni mostrano che le collisioni di asteroidi come quella che ha causato Eurybates e la sua famiglia producono spesso piccoli satelliti" afferma Hal Levison, responsabile principale della missione. "Alla riunione del team scientifico di Lucy dello scorso novembre, il mio collega Keith Noll ha indicato un punto sospetto accanto a un'immagine di Eurybates. Ho rapidamente scaricato il set di dati più recente e ho realizzato che il punto era ancora lì, ma si era spostato, proprio come farebbe un satellite", aggiunge Mike Brown, membro del team scientifico Lucy.

Il piccolo oggetto era difficile da individuare, sia perché Eurybates è 6.000 volte più luminoso del suo satellite, sia perché la piccola luna è larga meno di 1 chilometro. "Usando simulazioni al computer, abbiamo dimostrato molte possibili orbite satellitari che corrispondono sia alle osservazioni in cui possiamo vedere il satellite, sia ai tempi in cui non lo facciamo", aggiunge infine Cathy Olkin, vice responsabile della missione. Il team non ha ancora finito: entro la fine dell'anno raccoglierà nuove informazioni per comprendere al meglio l'orbita dell'oggetto.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
3