Il MIT ha creato un robot simile ad una pianta che si infila in spazi stretti

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un team di ingegneri del MIT ha affrontato quello che da molti è definito l'ultimo problema della robotica: la possibilità di usarlo in spazi ristretti. Nel concept che vi mostriamo in apertura i ricercatori si sono basati sui movimenti delle piante, che si "aggrappano" e sono in grado di infilarsi ovunque mentre crescono.

Non è infatti un caso che sia stato soprannominato "Growing Robot". Il motivo è facilmente intuibile: essendo realizzato in materiale rigido, può trasportare oggetti ed utensili in spazi ridotti, dove gli umani non possono accedere. Le "braccia" ricordano a grandi linee una catena da bicicletta, e gli permettono di ruotare e muoversi per raggiungere l'obiettivo, ma soprattutto possono afferrare e sollevare anche carichi pesanti.

Il MIT ha affermato che "il team è stato ispirato dal modo in cui le piante trasportano i nutrienti fino alla punta, poco a poco, fino a quando non riescono a creare steli. Il robot ha degli ingranaggi che rilasciano la catena di plastica stampata in 3D riprendendo il movimento della crescita".

Gli ingegneri possono anche programmarlo per bloccare determinate unità della catena, in modo che formi braccia rigide in grado di maneggiare gli strumenti. Quando le catene sono interbloccate e quindi rigide, sono abbastanza forti da sollevare strumenti fino ad un chilogrammo di peso. "Può essere bloccato in diversi punti per essere curvato in vari modi ed avere una vasta gamma di movimenti" ha spiegato il capo del team Tongxi Yan.

Secondo il team che ci ha lavorato su, questo progetto potrebbe risultare particolarmente utile in vari contesti, come per la riparazione di aeroplani ed auto. Si fa l'esempio di un accesso al sistema di propulsione di un aereo per stringere una vita allentata o cambiare l'olio nell'auto.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
2