I mondi oceanici potrebbero essere molto comuni all'interno della Via Lattea

I mondi oceanici potrebbero essere molto comuni all'interno della Via Lattea
di

Cerere, Callisto, Europa, Ganimede, Encelado e Titano, sono tutti i luoghi del nostro Sistema Solare in cui potrebbe esistere la vita. Si ritiene che questi "mondi oceanici" abbiano abbondante acqua liquida al loro interno, nonché molecole organiche e riscaldamento delle maree, gli ingredienti base per la vita.

Nasce quindi una domanda: si possono trovare lune simili in altri sistemi stellari? La domanda non si è fatta certo attendere: "pennacchi d'acqua scoppiano da Europa ed Encelado, quindi possiamo dire che questi corpi hanno oceani sotterranei sotto i loro gusci di ghiaccio, e hanno energia che guida i pennacchi, che sono due requisiti per la vita come la conosciamo. Quindi, se stiamo pensando a questi luoghi come possibilmente abitabili, forse anche le versioni più grandi di essi in altri sistemi planetari sono abitabili", afferma la scienziata planetaria della NASA Lynnae C. Quick.

Gli esperti hanno selezionato 53 esopianeti di dimensioni simili alla Terra, sebbene alcuni fossero fino a otto volte più massicci, e hanno cercato di determinare quanta energia potessero generare e rilasciare sotto forma di calore. Alla fine, la loro analisi ha confermato che oltre un quarto dei 53 esopianeti che hanno campionato (14 mondi) erano probabilmente oceanici e che la maggior parte di questi sarebbe in grado di rilasciare più energia di Europa o Encelado.

Il team ha dato un'occhiata al sistema TRAPPIST-1, che ha sette esopianeti rocciosi confermati dagli astronomi nel 2017. Secondo i calcoli della dottoressa Quick e del suo team, tutti i mondi di TRAPPIST-1 potrebbero essere oceanici. Le future missioni della NASA dovrebbero migliorare la nostra conoscenza di questi luoghi, sopratutto grazie a strumenti come il James Webb Space Telescope e il Nancy Grace Roman Space Telescope.

Quanto è interessante?
2