La morte del sole: una stella ci mostra cosa gli accadrà in tempo reale

La morte del sole: una stella ci mostra cosa gli accadrà in tempo reale
di

Nella costellazione settentrionale dell'Orsa minore, una stella sta morendo. Rumorosamente e con violenza. È devastata come da una "tosse" che invia onde d'urto espellendo il suo materiale esterno nello spazio circostante. Questo ci permette di vedere esattamente ciò che accadrà al nostro Sole tra pochi miliardi di anni.

La stella è la gigante rossa T Ursae Minoris (abbreviato in UMi T), e gli astronomi hanno determinato che è appena scoppiato in un impulso termico che arriva solo ogni 10.000 anni, fino a 100.000 anni.

"Questa è stata una delle rare opportunità in cui i segni dell'invecchiamento potevano essere osservati direttamente in una stella su scale temporali umane", ha affermato l'astronomo Meridith Joyce della Australian National University.

L'UMi si trova effettivamente in una fase particolare della vita di una stella nota come ramo asintotico della gigante (AGB), uno stadio evolutivo tipico delle stelle che inizialmente (cioè prima di divenire giganti rosse) erano fino a otto volte la massa del Sole.

A questo punto, la stella è già una gigante rossa (che, insieme ad una nana bianca, riescono a creare uno spettacolo maestoso). Il suo nucleo ha esaurito l'idrogeno e rimangono solo carbonio e ossigeno. In una fase precedente del AGB, un guscio attorno al nucleo ha fuso l'elio in carbonio.

Quando l'elio si esaurisce, un guscio di idrogeno attorno alla stella inizia a fondere in elio, fino a quando non si riaccende in modo esplosivo e comincia nuovamente a fondersi in carbonio. Questo evento è l'impulso termico, noto anche come flash del guscio di elio, che può durare fino a qualche centinaio di anni.

Gli astronomi tengono d'occhio UMi T da oltre 100 anni, notando attentamente le sue fluttuazioni in luminosità. E, dal al 1979, l'hanno in cui si è registrato un cambiamento importante in queste fluttuazioni, si cerca di capire se la causa non sia un lampo del guscio di elio.

Ora Joyce e i suoi colleghi hanno deciso che è così. Negli ultimi 30 anni hanno osservato che la stella si riduceva per dimensioni, luminosità e temperatura.

Questo è il destino che ci aspettiamo anche per il nostro Sole (che potrebbe ancora essere capace di produrre super brillamenti), tra circa 5 miliardi di anni.
Diminuirà drammaticamente in densità e inghiottirà i pianeti interni. Non è abbastanza grande e massivo per produrre una supernova, quindi diverrà una nana bianca, che perde lentamente la sua energia termica fino ad essere una roccia fredda, scura e morta che galleggia nello spazio.

Certo, è improbabile che saremo presenti, ma possiamo continuare a guardare T UMi, e vedere in tempo reale i cambiamenti drammatici che avverranno al sole.

"Sia gli astronomi dilettanti che quelli professionisti continueranno a osservare l'evoluzione della stella nei prossimi decenni, che fornirà un test diretto delle nostre previsioni entro i prossimi 30-50 anni."

Quanto è interessante?
8
La morte del sole: una stella ci mostra cosa gli accadrà in tempo reale