NASA: lanciato il più avanzato laser mai prodotto per monitorare il ghiaccio terrestre

NASA: lanciato il più avanzato laser mai prodotto per monitorare il ghiaccio terrestre
di

La NASA ha appena spedito nello spazio lo strumento laser più avanzato del suo genere, iniziando una missione per misurare, con una precisione mai raggiunta prima, i cambiamenti dello spessore del ghiaccio polare della Terra.

IceA, Cloud e land Elevation Satellite-2 (ICESat-2) della NASA misureranno il cambiamento altimetrico annuale medio del ghiaccio terrestre che copre la Groenlandia e l'Antartide, raggiungendo una profondità di misurazione di circa 15cm, pari a quella di una matita, effettuando 60.000 misurazioni al secondo. Michael Freilich, direttore della Divisione NASA di Scienze della Terra, ha dichiarato: "Le nuove tecnologie adoperate in ICESat-2 permetteranno di ampliare gli studi delle calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartide, e di comprendere come esse contribuiscano all'innalzamento del livello del mare".

La NASA ha reso disponibile un'immagine ad alta risoluzione della strumentazione, raggiungibile a questo link.

ICESat-2 estenderà e migliorerà i risultati ottenuti in 15 anni di monitoraggio operati dalla NASA. Tutto è iniziato nel 2003 con la prima missione ICESat e proseguito nel 2009 con l'operazione IceBridge, una missione aerea che ha tenuto appunto traccia dell'accelerazione del tasso di variazione. Come avviene la misurazione? Il suo sistema altimetrico laser (Advanced Topographic Laser Altimeter System, noto come ATLAS) misura l'altezza calcolando il tempo impiegato dai singoli fotoni di luce per spostarsi dalla sonda alla Terra e viceversa.

ATLAS sparerà laser 10.000 volte al secondo, inviando centinaia di migliaia di miliardi di fotoni a terra in sei fasci di luce verde. Il tempo di andata e ritorno dei singoli fotoni laser di ICESat-2 sulla superficie terrestre è sensibile al miliardesimo di secondo. Tale sensibilità è necessaria poiché la misurazione avviene calcolando il tempo impiegato dal laser per toccare la superficie terrestre e tornare indietro. Essendo nota la velocità del fascio di fotoni, è possibile risalire alla distanza tra la Terra e la strumentazione orbitante. Una seconda misurazione permetterà poi di effettuare un confronto di dati e osservare eventuali variazioni di "distanza" (e quindi di spessore dello strato di ghiaccio).

"ATLAS ha richiesto lo sviluppo di nuove tecnologie per ottenere la quantità di misurazioni necessarie agli scienziati per far progredire la ricerca", ha affermato Doug McLennan, project manager di ICESat-2 presso il Goddard Space Flight Center della NASA. "Ciò ha imposto la necessità di progettare uno strumento satellitare che fosse non solo capace di raccogliere dati incredibilmente precisi, ma che riuscisse ad acquisirne in quantità 250 volte superiore al suo predecessore".

Il meteo è rimasto favorevole per il lancio del 15 settembre di ICESat-2 dalla Base Aerea di Vandenberg in California. Inizialmente previsto per le ore 8:46am ET (le 14:46 in italia), il liftoff è stato posticipato di qualche minuto, alle 9:02am ET, a causa di un problema di temperature riscontrato all'interno del secondo stadio del razzo. Il Lancio è avvenuto tramite il United Launch Alliance Delta II. In uso dal 1989, il razzo Delta II ha un passato stellare: è stato lanciato 154 volte, trasportando carichi utili per la NASA e per clienti militari e commerciali statunitensi. Il lancio di oggi è stato il 54° della NASA sul Delta II; alcuni dei numerosi voli dell'agenzia a bordo del Delta II comprendono i rover Mars, Spirit e Opportunity; Satelliti di osservazione della Terra come Joint Polar Satellite System-1, Aquarius e Suomi NPP; e le missioni che esplorano il sistema solare e oltre, tra cui GRAIL, Dawn e Keplero.

Il Delta II a due stadi, decollato dallo Space Launch Complex-2, è alto circa 40 metri. Ha quattro motori montati lateralmente, collegati al suo primo stadio, ed è sormontato da una carenatura di 3 metri di diametro. Il motore principale RS-27A del primo stadio è alimentato da ossigeno liquido e RP-1, uno specifico cherosene. Il motore AJ10-118K della seconda fase è alimentato da propellenti ipergolici Aerozine 50 e tetrossido di azoto.

Mentre circonda la Terra da un polo all'altro, ICESat-2 misurerà le altezze del ghiaccio lungo lo stesso percorso nelle regioni polari quattro volte l'anno, fornendo un monitoraggio stagionale e annuale delle variazioni di quota del ghiaccio.

Una splendida galleria è disponibile alla pagina Flickr ufficiale NASA.

Quanto è interessante?
12

Acquista il puzzle 3D della Stazione Spaziale Internazionale su Amazon.it e divertiti a costruire il modellino della ISS!