NASA riesce a generare ossigeno su Marte per far respirare un cane per 10 ore

NASA riesce a generare ossigeno su Marte per far respirare un cane per 10 ore
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dal 2021, il rover Perseverance della NASA sta esplorando la superficie desolata di Marte, raccogliendo campioni e cercando segni di antica vita microbica. Grazie a uno dei suoi strumenti scientifici a bordo, noto come MOXIE (Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment), il rover è riuscito a generare ossigeno respirabile.

Una tale prova potrebbe aprire la strada a futuri sforzi per colonizzare Marte. Tuttavia, la strada è ancora lunga, poiché da quando è atterrato sul pianeta, MOXIE ha generato solo 122 grammi di ossigeno, sufficienti per far respirare un piccolo cane per circa 10 ore.

Non sottovalutate questo risultato: si tratta lo stesso di un'impresa scientifica incredibile. La performance di MOXIE ha superato di gran lunga le aspettative, generando il doppio dei grammi di ossigeno all'ora rispetto a quanto previsto dalla NASA.

E non solo: è stato in grado di farlo durante tutto l'anno marziano, nonostante le condizioni estremamente variabili. Questo ossigeno raccolto potrebbe non solo servire come aria respirabile per futuri astronauti, ma potrebbe anche essere utilizzato per generare propellente per razzi, rendendo molto più fattibili i futuri viaggi su Marte (Elon Musk approva).

Ora, i ricercatori sono entusiasti all'idea di sperimentare MOXIE 2.0, nuova missione capace di raccogliere ossigeno e poi liquefarlo per la conservazione. "Dimostrando questa tecnologia in condizioni reali, abbiamo fatto un passo avanti verso un futuro in cui gli astronauti 'vivono della terra' sul Pianeta Rosso", ha dichiarato Trudy Kortes, direttrice delle dimostrazioni tecnologiche presso la NASA.