La NASA ha scelto quale società dovrà costruire il primo razzo che partirà da Marte

La NASA ha scelto quale società dovrà costruire il primo razzo che partirà da Marte
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un razzo che parte da Marte? Ma è fantascienza o realtà? Che ci crediate o meno è tutto vero: da anni la NASA sta lavorando al progetto "Mars Sample Return", un insieme di missioni che hanno lo scopo di raccogliere rocce del suolo marziano e poi riportarle sulla Terra. Ecco quali sono gli ultimi aggiornamenti.

Sicuramente avrete già sentito parlare del Mars Sample Return, dal momento che è un progetto spaziale già in corso d'opera: il rover Perseverance è il primo elemento fondamentale di queste missioni. Proprio in questo momento infatti, Perseverance sta raccogliendo campioni del suolo marziano e li sta incapsulando in speciali provette ermetiche.

Il miglior modo di studiare questi campioni è quello di poterli analizzare qui sulla Terra, nei nostri laboratori all'avanguardia. Dato che è impossibile (per ora) portare un tale laboratorio su Marte, si è deciso che è molto più "facile" portare quei campioni sul nostro pianeta. Le provette di Perseverance, un giorno, verranno scaricate in luogo sicuro; un'altra missione, ancora senza nome, si occuperà di raccoglierle e metterle in orbita.

Questa seconda parte sarà una delle missioni più complesse mai organizzare, e non a caso la NASA sta collaborando con ESA e CSA per riuscire nell'intento. Molto brevemente: su Marte verrà mandata una sonda costituita da un rover, un modulo di atterraggio, un modulo di ascesa (MAV) e un orbiter speciale. Le provette verranno raccolte dal "fetch" rover e poi immesse nel modulo di ascesa, che altro non è che un razzo in miniatura.

Sarà il primo razzo della storia che partirà da un altro pianeta, e dovrà portare il suo prezioso carico all'orbiter (il quale poi manderà tutto verso la Terra). Ora la NASA ha reso noto che Lockheed Martin Space si occuperà della progettazione e ideazione del MAV. Per questa iniziativa sono stati stanziati 194 milioni di dollari, e lo sviluppo dovrà iniziare subito e produrre risultati concreti entro i prossimi sei anni.

"Questa iniziativa rivoluzionaria è destinata a ispirare il mondo... Sarà un passo significativo che alla fine aiuterà a inviare i primi astronauti su Marte", ha affermato l'amministratore della NASA Bill Nelson. "L'investimento nel nostro programma soddisferà un obiettivo prioritario della scienza planetaria e dimostrerà il nostro impegno nell'esplorazione e nella scoperta".

Il futuro dell'esplorazione spaziale si prospetta quanto mai avvincente.

FONTE: NASA
Quanto è interessante?
3