I nostri nasi potrebbero avere un vero e proprio microbiota specifico

I nostri nasi potrebbero avere un vero e proprio microbiota specifico
di

È risaputo che i diversi batteri che popolano il nostro apparato digerente possono avere un impatto diretto sulla nostra salute. Nuove ricerche indicano un legame simile tra il nostro benessere e il microbiota presente nei nostri nasi.

Il nostro naso, infatti, ospita un'intera serie di microrganismi, proprio come quelli presenti in tutto il corpo. I diversi tipi di batteri specifici delle cavità nasali potrebbero proteggerci da determinati problemi di salute o metterci più a rischio di altri. L'ispirazione per questo nuovo studio è venuta grazie alla madre di uno dei ricercatori, che aveva problemi di mal di testa e rinosinusite cronica, una condizione che provoca dolore e gonfiore dei seni nasali e della cavità nasale.

"Mia madre aveva provato molti trattamenti diversi, ma nessuno ha funzionato", afferma la microbiologa Sarah Lebeer, dell'Università di Anversa in Belgio. "Pensavo fosse un peccato non poterle consigliare alcuni batteri o probiotici per il naso. Nessuno l'aveva mai davvero studiato." Così, il team ha analizzato i batteri del naso di 100 volontari sani e 225 persone con rinosinusite cronica, caratterizzando in tutto 30 diverse famiglie di batteri. Una famiglia in particolare spiccava: i lattobacilli, così chiamati perché convertono il lattosio e altri zuccheri in acido lattico mediante la fermentazione lattica.

Questi batteri erano più abbondanti nel gruppo sano di partecipanti allo studio, fino a 10 volte. Un particolare ceppo di Lacticaseibacillus identificato sembrava essersi adattato per vivere proprio in questo luogo, avendo sviluppato geni unici per gestire gli alti livelli di ossigeno nella cavità nasale e utilizzando tubi sottili chiamati fimbriae per aiutare ad aggrapparsi.

Il team ha spruzzato nel naso di 20 volontari sani un ceppo di lattobacillo, due volte al giorno per due settimane. Mentre la cavità nasale in genere filtra i corpi estranei, qui i batteri erano in grado di colonizzarlo. Eventuali potenziali effetti sulla salute di questo intervento non sono stati misurati scientificamente, anche se alcuni partecipanti hanno riferito di essere in grado di respirare più facilmente.

Lo studio mostra prove sufficienti che i microbioti nei nostri nasi potrebbero influenzare la nostra salute, proprio come quelli presenti nello stomaco e in altre parti del corpo. È importante sottolineare che la dimensione del campione studiato è relativamente piccola, quindi servono altri studi clinici e ulteriori studi meccanicistici.

Quanto è interessante?
2