Nature: il Polo Nord magnetico si sta spostando verso la Siberia

Nature: il Polo Nord magnetico si sta spostando verso la Siberia
di

La rivista Nature quest'oggi si sofferma sul fatto che il Polo Nord Magnetico si starebbe spostando, spostandosi verso la Siberia dal Canada. La notizia si basa su un nuovo modello magnetico globale (World Magnetic Model), e descrive le caratteristiche del campo magnetico, aggiornandolo rispetto alla tabella di marcia iniziale.

L'aggiornamento era infatti previsto per il 2020, ma gli esperti hanno deciso di anticipare il tutto di un anno. Sulla presentazione sta pesando anche il grave shutdown americano, il più lungo della storia, che ha sta bloccando tutte le attività amministrative.

Gli esperti, su Nature sostengono che "qualcosa di strano sta avvenendo in cima al mondo. Il Polo Nord magnetico sta scivolando dal Canada verso la siberia, guidato dal ferro liquido nel cuore del Pianeta". Secondo gli stessi questo fenomeno "potrebbe essere legato ad un getto di ferro liquido ad alta velocità al di sotto del Canada".

Sul caso è intervenuto anche Domenico Di Mauro, esperto dell'INGV ed intervistato da Il Fatto Quotidiano, secondo cui "lo spostamento è una manifestazione in superficie di ciò che genera il campo magnetico terrestre: correnti elettriche che scorrono nel nucleo esterno del nostro pianeta, composto da ferro, nichel fusi e liquidi come l'acqua". Proprio lo stesso si sofferma sul fatto che il campo magnetico è di fondamentale importanza per la vita sulla Terra, in quanto avvolge il nostro pianeta in un guscio che lo protegge dalle radiazioni solare. Tale Polo non coincide con quello geografico. L'impatto di questi cambiamenti potrebbe essere fondamentale per le navigazioni marittime ed aeree, ecco perchè ogni minima modifica viene monitorata attentamente dagli esperti.

Di Mauro sostiene che "lo studio di questo fenomeno può fornirci preziosi indizi per capire cosa stia succedendo all’interno del nostro Pianeta, nel nucleo e all’interfaccia tra nucleo e mantello. Questo spostamento del Polo Nord magnetico, più rapido negli ultimi anni, potrebbe essere il segno del possibile innesco di un’inversione dei poli magnetici. Un fenomeno che negli ultimi 170 milioni di anni è avvenuto più di 100 volte, l’ultima circa 780.000 anni fa. Questa inversione dei poli farebbe sparire lo scudo magnetico protettivo della Terra, esponendo il nostro Pianeta al flusso di particelle cariche del vento solare, pericolose per la salute umana”.

FONTE: Il fatto
Quanto è interessante?
6