La NBA userà l'anello intelligente di Oura per rilevare i sintomi da Coronavirus

La NBA userà l'anello intelligente di Oura per rilevare i sintomi da Coronavirus
di

Mentre in Italia si è finalmente raggiunto un accordo per il ritorno della Serie A dopo il lockdown imposto dal Coronavirus, l'NBA sta riflettendo sul da farsi per garantire la sicurezza dei propri giocatori. The Athletic di recente ha pubblicato un rapporto che spiega le misure che intende attuare la Lega, incluso il piano di test ed i protocolli.

Secondo quanto riferito, l'NBA avrebbe intenzione di usare l'anello intelligente di Oura per monitorare lo stato di salute dei giocatori e quindi per rilevare tempestivamente gli eventuali sintomi da Coronavirus. La scelta sarebbe ricaduta sul dispositivo a seguito della pubblicazione dello studio firmato dal Rockefeller Neuroscience Institute della West Virginia University, il quale ha suggerito che le informazioni rilevate dagli anelli, combinate con la propria piattaforma digitale ed alcuni sondaggi in-app, possono "prevenire e prevedere l'insorgenza dei sintomi correlati al Coronavirus con tre giorni di anticipo", ad un tasso di precisione del 90%.

Si tratta di un utilizzo particolare della tecnologia, che dimostra ancora una volta molto utile in questa difficile situazione.

Gli Oura Ring di nuova generazione sono resistenti all'acqua e pesano solo sei grammi, ma soprattutto sono talmente comodi da poter essere indossati 24/7. I dati vengono archiviati nella memoria interna e poi sincronizzati con iOS ed Android attraverso il Bluetooth Low Energy, la stessa tecnologia su cui si basa l'app Immuni per il Coronavirus.

Il protocollo prevede un uso facoltativo da parte dei giocatori, ma non rivela alcun dettaglio su quali dati saranno utilizzati per tracciare i sintomi.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
4