Netflix licenzia altri 300 dipendenti dopo i risultati non entusiasmanti

Netflix licenzia altri 300 dipendenti dopo i risultati non entusiasmanti
di

È passato poco tempo dalle conferme relative all'arrivo della pubblicità su Netflix, ma è già tornato il momento di approfondire quanto sta avvenendo all'interno dell'azienda di Reed Hastings. Infatti, sono stati licenziati 300 dipendenti.

In particolare, stando anche a quanto riportato da The Verge e Variety, la giornata del 23 giugno 2022 ha visto un ulteriore taglio del personale per Netflix, che segue i circa 150 licenziamenti di maggio 2022. Si fa in ogni caso riferimento principalmente a dipendenti relativi al mercato statunitense, ma secondo le fonti sono stati tagliati anche alcuni posti di lavoro a livello internazionale.

La notizia non è di certo passata inosservata e arriva in un periodo non propriamente dei più rosei per la piattaforma di streaming, considerando il fatto che c'è stato il primo calo di abbonamenti di Netflix in 10 anni. Il primo "round" di tagli al personale aveva già generato discussioni online, ma ora che è arrivato il secondo c'è il timore che ne possano avvenire altri in futuro, anche se non ci sono segnali ufficiali in tal senso.

Per il resto, Bao Nguyen, portavoce di Netflix, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di The Verge: "oggi abbiamo purtroppo dovuto lasciare andare circa 300 dipendenti. [...] Mentre continuiamo a investire significativamente in questo business, abbiamo dovuto apportare queste modifiche per fare in modo che i costi risultino in linea con la crescita dei ricavi rallentata".

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
2
Netflix licenzia altri 300 dipendenti dopo i risultati non entusiasmanti