Netflix mira agli abbonamenti condivisi in Italia? L'avviso agli utenti

di

La questione è ormai nell'aria da molto tempo: lo stop agli abbonamenti condivisi di Netflix sembra dietro l'angolo da anni. Eppure, ad agosto 2021 sembra che questa pratica non sia ancora stata fermata del tutto. Tuttavia, a quanto pare qualcosa di concreto si sta muovendo, viste alcune segnalazioni arrivate dall'Italia.

Più precisamente, alcune persone affermano di aver visto comparire a schermo una scritta precisa: "Questo account è usato in più nuclei domestici". L'avviso sarebbe comparso a diversi utenti, anche se non è chiaro se Netflix stia effettivamente conducendo test di questo tipo con un numero ristretto di utenti (non ci sono conferme ufficiali in merito al momento).

In ogni caso, sembra che a coloro che hanno visto apparire la schermata coinvolta sia stato richiesto di creare un altro account per continuare a utilizzare Netflix. Infatti, la società di Reed Hastings avrebbe inserito un apposito tasto "Abbonati ora", in modo da cercare di spingere gli utenti a sottoscrivere un proprio abbonamento.

In alternativa, in caso di eventuale comunicazione "errata", sembra che Netflix permetta agli utenti di verificare la propria identità tramite indirizzo di posta elettronica o SMS, in modo da recuperare il proprio account. In alcuni casi, si segnala la presenza di un tasto "Verifica in seguito", ma non è chiaro come funzioni. Tirando le somme, a quanto pare l'azienda di Reed Hastings starebbe iniziando a "prendere provvedimenti", anche se forse in modo "leggero".

Ci teniamo tuttavia a precisare ulteriormente che attualmente non sono arrivate conferme ufficiali. Le segnalazioni da parte degli utenti ci sono, ma invitiamo in ogni caso a prendere con la dovuta cautela queste informazioni, in attesa di eventuali comunicazioni ufficiali da parte di Netflix sull'annosa e intricata questione degli account condivisi. Per il resto, c'è anche il "dibattito" relativo alle VPN.

Quanto è interessante?
6
Netflix mira agli abbonamenti condivisi in Italia? L'avviso agli utenti