NFT è la parola dell'anno secondo il dizionario Collins, ma c'è anche "metaverso"

NFT è la parola dell'anno secondo il dizionario Collins, ma c'è anche 'metaverso'
di

Il metaverso annunciato da Zuckerberg è stato senza dubbio uno degli eventi tech più clamorosi dell'anno, di un 2021 fatto di blockchain, criptovalute e NFT. Alle porte delle festività che ci catapulteranno nel 2022, però, è giunta l'ora di tirare le somme sul concetto più rilevante di tutti.

Ad aiutarci è intervenuto il dizionario Collins che, come da tradizione, ha stilato la sua classifica delle parole più gettonate degli ultimi 12 mesi.

Secondo il Collins, ciò che ruota intorno al Web3 è stato senza ombra di dubbio il motore del mondo tech e non solo. In un anno di pandemia, si legge, "la rivoluzione digitale continua a ritmi serrati, trasformando la nostra cultura, le nostre relazioni interpersonali e il modo in cui muoviamo denaro. [...] Il dominio delle valute tradizionali è stato minato dalle criptovalute e, sebbene la maggior parte di noi potrebbe non avere ancora capito il loro funzionamento, molti altri la riconoscono".

Questa "convergenza" tra economia e internet ormai è una realtà più che rodata e il concetto che più di tutti ne rappresenta l'essenza, secondo il Collins, è NFT, o Non-Fungible Token.

Ne abbiamo sentito parlare in lungo e in largo, ma cosa significa? Nel nostro approfondimento sul significato di NFT abbiamo provato a ripercorrerne i passi, dalla definizione alle funzioni. Per il Collins, il Non-Fungible Token è "un certificato digitale unico registrato all'interno di una blockchain, che viene utilizzato per certificare la proprietà di un bene, come un'opera d'arte o un oggetto digitale da collezione". Proprio questo aspetto è stato uno dei motivi trainanti del mercato negli ultimi mesi e potrebbe rappresentare il nodo focale del futuro del metaverso, poiché consentirebbe di portare la definizione di proprietà privata all'interno dello spazio digitale.

FONTE: Quartz
Quanto è interessante?
1