Nokia contro OPPO: avviata causa legale per violazione di brevetto

Nokia contro OPPO: avviata causa legale per violazione di brevetto
di

In attesa di ulteriori informazioni riguardo il prossimo smartphone Nokia top di gamma, la società finlandese a quanto pare sta dando il via a una causa legale contro la compagnia cinese OPPO per violazione di brevetto in quattro paesi, in seguito al loro presunto utilizzo senza permesso.

Secondo quanto riportato da Phone Arena, la storia vede le sue origini presumibilmente nel 2018, quando OPPO decise di non rinnovare l’accordo per le licenze firmato in tale anno, il quale avrebbe permesso alla società di utilizzare tali brevetti legalmente. Ancora oggi non è noto il motivo di questa decisione, dunque l’azienda finlandese ha deciso di agire.

Non sono mancate, da parte di Nokia, conferme riguardo le trattative in corso tra le due compagnie; la decisione finale, però, sarebbe stata proprio quella di “rifiutare il rinnovo sebbene le offerte fossero eque e ragionevoli”. Nello specifico, citiamo la seguente dichiarazione da parte di Nokia: “Abbiamo negoziato il rinnovo del nostro accordo di licenza di brevetto con Oppo, ma sfortunatamente hanno rifiutato le nostre offerte eque e ragionevoli. Il contenzioso è sempre la nostra ultima risorsa e ci siamo offerti di avviare un arbitrato indipendente e neutrale per risolvere amichevolmente la questione. Crediamo ancora che questo sarebbe il modo più costruttivo per andare avanti”.

In altre parole, la causa intentata da Nokia è un intervento in extremis in seguito alla mancata risoluzione pacifica della controversia, che riguarderebbe nello specifico Germania, Francia, Inghilterra e India, Paesi dove Oppo avrebbe usato i brevetti d’interesse.

A proposito di OPPO, il brand sarebbe al lavoro sul suo primo smartphone da gaming, di cui sono trapelati i presunti disegni.

FONTE: PhoneArena
Quanto è interessante?
2