Non tutti lo sanno, ma ecco la travagliata storia dell'infanzia di Albert Einstein

Non tutti lo sanno, ma ecco la travagliata storia dell'infanzia di Albert Einstein
di

Albert Einstein, uno dei più famosi scienziati della storia e rivoluzionario nel campo della fisica, ha avuto un'infanzia lontana dall'essere facile. Nato il 14 marzo 1879 a Ulm, in Germania, il genio ha incontrato precoci difficoltà nel linguaggio, tanto che i suoi genitori, preoccupati, hanno consultato uno specialista.

Quando finalmente ha iniziato a parlare, ha sviluppato l'abitudine insolita di ripetere a bassa voce ogni frase che pronunciava, muovendo le labbra, un comportamento che ha mantenuto fino al settimo anno di età (ecco, invece, tutte le scoperte effettuate dall'iconico scienziato).

La situazione finanziaria della famiglia Einstein, inoltre, era instabile. Il padre, Hermann, si trasferì da Ulm a Monaco per avviare un'attività di idraulica ed elettricità con suo fratello Jakob, ma l'impresa si rivelò un disastro finanziario. La famiglia si trasferì poi in Italia, lasciando Albert, allora adolescente, a Monaco per continuare i suoi studi.

Questa separazione e le difficoltà finanziarie continuarono a gravare su di lui anche durante gli anni del college in Svizzera. Einstein ha anche affrontato problemi a scuola. Era un buon studente, ma si scontrò con il rigido sistema educativo della sua scuola secondaria a Monaco. I metodi di insegnamento, basati sulla memorizzazione meccanica e un rigido rispetto dell'autorità, erano ripugnanti per lui.

Nonostante queste sfide, le esperienze traumatiche dell'infanzia del padre della relatività hanno influenzato positivamente la sua vita adulta. Le sue esperienze negative con il sistema educativo tedesco lo hanno portato a sostenere l'importanza della creatività rispetto a un'educazione dogmatica.

"L'immaginazione è più importante della conoscenza", disse in un'intervista nel 1929, "la conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo." A tal proposito, ecco le frasi famose che Einstein non ha mai detto.

FONTE: grunge

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi