Norton presenta un esclusivo documentario sulla cultura hacker

di

Quasi ogni giorno veniamo a conoscenza di violazioni di dati e di altri crimini informatici, ma siccome gli esecutori di questi reati non hanno mai un nome e una faccia, c'è sempre la tendenza a sminuire i rischi reali.

Norton by Symantec presenta oggi “Alla scoperta della città più pericolosa di Internet”, un nuovo video documentario realizzato dal pluripremiato regista indipendente Sean Dunne. Il documentario offre uno sguardo ravvicinato sulla cultura e la filosofia di vita degli hacker, e sui fattori socioeconomici che oggi alimentano l'economia delle informazioni vendute sul mercato nero in Romania.

Il crimine informatico è un business redditizio, perpetrato ogni anno in tutto il mondo alle spalle di milioni di vittime”, dichiara Ida Setti, Territory Manager Southern Europe della Norton Business Unit di Symantec. “I criminali informatici fanno un uso sempre più spregiudicato di metodi di attacco aggressivi come il ransomware, che lo scorso hanno è cresciuto del 113%. Il nostro obiettivo è stimolare il dibattito sul crescente business del crimine informatico e mettere in luce l‘importanza di proteggere le proprie informazioni personali nel mondo connesso di oggi.”

Dove i soldi si fanno a suon di clic dove si scambiano milioni di dati in pochi nanosecondi

Norton ha scelto di produrre il documentario La città più pericolosa per mostrare le vere facce di chi opera nel crimine informatico e indagare la realtà umana che agisce dietro lo scenario attuale delle minacce.

Ambientato nella Romania post-comunista e precisamente nella città di Râmnicu Vâlcea, anche nota come "Hackerville", questo documentario pone lo sguardo sulle persone che sostengono e che contrastano una delle più grandi comunità hacker mondiali. A Râmnicu Vâlcea, in Romania, sono molti gli hacker di alto livello che praticano truffe di scamming e phishing, arrivando fino ad attività di hacking estremamente sofisticate. Il team che ha realizzato il documentario ha scelto la Romania proprio per i fattori ambientali che qui creano i presupposti per il cybercrime, indagando in che modo questi fattori consentono al crimine informatico di svilupparsi e prosperare.

Interviste profonde con hacker e truffatori già condannati che hanno compromesso account personali e governativi, fra cui quelli della NASA, dell'Agenzia Spaziale Europea, di George Bush, Hillary Clinton e della Marina Militare inglese, rivelano i metodi, le motivazioni e le sorprendenti ragioni per cui queste persone hanno deciso di lasciarsi coinvolgere nel crimine informatico. 

Fra gli hacker più noti che sono stati intervistati per questo documentario vi sono:

  • Iceman”: Iceman, ossia Robert Butyka, è un hacker rumeno noto per essersi infiltrato in 25 computer del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena nel dicembre 2010. I computer facevano parte del programma Atmospheric Infrared Sounder (AIRS), usato per le ricerche sul clima e il miglioramento delle previsioni atmosferiche. Questo attacco ha reso i computer inutilizzabili per oltre due mesi arrecando danni per oltre $ 500.000.
  • Tinkode”: Tinkode era il nome in codice dell'hacker rumeno Manole Razvan Cernaianu. Tinkode deve la sua fama alla violazione di molti siti Web di alto profilo, fra cui quelli dell'Esercito degli Stati Uniti, della NASA, della Marina Militare inglese, dell'Agenzia Spaziale Europea, di MySQL e di Google.
  • Madalin”: Madalin Dumitru, partner in affari di Tinkode, nel 2011 è stato anche il fondatore e CEO di Cyber Smart Defence. Ha 12 anni di esperienza in aziende IT, fra cui società di Internet marketing, e ha studiato e ricevuto formazione su vendite, marketing e general management.
  • Guccifer”: Guccifer è un hacker rumeno il cui vero nome è Marcel Lazar, famoso in particolare per aver violato la posta elettronica personale di importanti personalità pubbliche fra cui Hillary Clinton e Colin Powell. È riuscito a mantenere nascosta la sua identità all‘F.B.I. e ai servizi segreti per diversi anni.
Quanto è interessante?
0