I nuclei estinti ci raccontano cosa c'era prima del Sistema Solare

I nuclei estinti ci raccontano cosa c'era prima del Sistema Solare
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Alcuni isotopi dei nuclei della tavola periodica, pur figurando nella carta dei nuclidi, non esistono nell'Universo presente. Perché? Ma soprattutto, possiamo ricavarne comunque informazioni interessanti? (Spoiler: sì!)

Ogni elementi nella tavola degli elementi presenta un certo numero di isotopi, nuclei atomici con lo stesso numero di protoni ma un numero diverso di neutroni. Un caso relativamente famoso e' quello del carbonio-14, il cui studio da' accesso ad informazioni sull'età' di alcuni reperti archeologici organici. Alcuni isotopi sono stabili, altri sono invece radioattivi e presentano una vita media più' o meno lunga. E' chiaro che se la vita media di un determinato isotopo e' molto più' breve dell'eta' dell'Universo, non ne troveremo alcuno nell'Universo attuale.

Studiando uno di questi isotopi "estinti", il Niobio-92, un gruppo di ricercatori dell'ETH di Zurigo, in Svizzera, ha concluso che ai tempi della formazione del Sole ci devono essere stati diversi episodi di esplosione di supernova. Il Niobio-92, con una vita media di "solamente" 37 milioni di anni, e' completamente assente nel nostro sistema solare, e la sua unica traccia e' il nuclei figlio in cui e' decaduto, lo Zirconio-92. I meteoriti contengono informazioni utilissime per quanto riguarda la formazione degli elementi dell'Universo; proprio studiando i meteoriti, i ricercatori sono riusciti a capire quanto abbondante fosse il Niobio-92 al momento della formazione del Sistema Solare. In questo modo sono riusciti a dedurre con incredibile precisione i tempi della formazione dei pianeti e degli asteroidi a noi più vicini.

Infine, conoscendo le in modo accurato le abbondanze di Niobio-92 ai tempi della formazione del Sistema Solare, e' possibile ricavare informazioni anche sui fenomeni attraverso i quali tale nucleo e' stato prodotto: le esplosioni di supernova. Sembra proprio che la parte interiore del Sistema Solare, comprendente anche la Terra e Marte, presenti le tracce di esplosioni di supernova di tipo 1a. Questo tipo di esplosioni, diverse da quella che potrebbe accadere per Betelgeuse, sono causate dalla fusione di due stelle orbitanti una intorno all'altra. Sembra che dai residui di questa grande esplosione si siano formati il Sole e i pianeti più interni del Sistema Solare.

FONTE: Phys Org
Quanto è interessante?
1